Italia markets open in 7 hours 27 minutes
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    28.800,85
    +57,60 (+0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,1843
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    43.952,15
    +575,20 (+1,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.055,33
    +31,12 (+3,04%)
     
  • HANG SENG

    28.540,83
    -557,46 (-1,92%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     

Covid-19: perchè con l'arrivo dell'Inverno aumentano le possibilità di contagio

·2 minuto per la lettura
Coronavirus freddo contagi
Coronavirus freddo contagi

I mesi in cui siamo maggiormente soggetti ad influenze e malanni sono tra Ottobre e Marzo. In quel periodo, infatti, molti di noi presentano sintomi come raffreddori, patologie parainfluenzali e di altre malattie respiratorie che con il freddo aumentano la loro forza.

L’arrivo delle basse temperature, quindi, ci espone maggiormente a virus, batteri e altri microorganismi. Ma non è propriamente esatto dire che sia il freddo a farci ammalare. La pediatra del poliambulatorio di Fiano Romano, Valentina Paolucci, e lo pneumologo Enrico Ballor hanno spiegato, infatti, che sono i patogeni a farci ammalare e non le temperature basse. Quest’ultime sono certamente attori protagonisti, poichè “forzano” le nostre difese immunitarie permettendo ai microorganismi di diffondersi nell’organismo.

Quando arriva la stagione invernale la tendenza naturale di ognuno di noi è di rimanere più spesso in locali chiusi, poco areati e soprattutto affollati. Questi ambienti sono il perfetto habitat dei virus, nei quali prosperano e si diffondono più facilmente a causa del contatto fra le persone. Questo spiega perchè è fortemente consigliato rispettare tutte le precauzioni previste.

Coronavirus: perchè il freddo porta più contagi

Oltre allo stare vicini, fonte dei diffusi malanni nati dal freddo, sono anche alcune condizioni fisiologiche che favoriscono l’aggressione dei patogeni. La dottoressa Paolucci, nel suo post su Facebook, ha scritto che quando c’è uno sbalzo termico “avviene una vasocostrizione – ovvero un restringimento dei vasi sanguigni NDR – quindi meno afflusso di sangue ed ossigeno ai tessuti. Questo crea un ambiente più facilmente aggredibile dai microorganismi”.

I virus influenzali aumentano notevolmente con il freddo per una serie di fattori contingenti che ne favoriscono l’azione infettiva. Rispettando le misure di cui tutti siamo ormai ben consapevoli aumenteremo le possibilità di ridurre la trasmissione.