Italia Markets open in 43 mins
  • Dow Jones

    31.270,09
    -121,41 (-0,39%)
     
  • Nasdaq

    12.997,75
    -361,05 (-2,70%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,11
    -628,99 (-2,13%)
     
  • EUR/USD

    1,2063
    -0,0004 (-0,0362%)
     
  • BTC-EUR

    41.297,83
    +482,95 (+1,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    995,39
    +7,29 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    29.233,83
    -646,59 (-2,16%)
     
  • S&P 500

    3.819,72
    -50,57 (-1,31%)
     

Covid-19, Ue esige preciso piano consegne vaccini AstraZeneca

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Bruxelles, 22 gen. (askanews) - La commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, ha reso noto stasera, sul suo account Twitter, che la Commissione e gli Stati membri hanno reagito con "profonda insoddisfazione" all'annuncio di AstraZeneca di un ritardo previsto nel programma di consegne dei vaccini che è stato concordato nei contratti congiunti di forniture dell'Ue con la società farmaceutica, dopo che l'Ema (l'Agenzia europea per le medicine) avrà dato il suo via libera, probabilmente alla fine di gennaio.

"Durante lo Steering Committee di oggi con gli Stati membri sulla strategia europea per i vaccini - scrive Kyriakides su Twitter -, i rappresentanti di AstraZeneca hanno annunciato ritardi nella consegna dei vaccini rispetto alle previsioni per il primo trimestre di quest'anno".

"La Commissione e gli Stati membri - riferisce la commissaria Ue alla Salute - hanno espresso profonda insoddisfazione al riguardo. Abbiamo insistito su un preciso programma di consegne delle dosi in base al quale gli Stati membri dovrebbero pianificare i loro piani di vaccinazione, subordinatamente alla concessione di un'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata", che verrà approvata dalla Commissione dopo il via libera dell'Ema.

"La Commissione continuerà a insistere con AstraZeneca per predisporre misure che aumentino la prevedibilità e la stabilità delle consegne e l'accelerazione della distribuzione delle dosi", conclude Kyriakides.