Italia markets close in 1 hour 4 minutes
  • FTSE MIB

    22.825,86
    -171,97 (-0,75%)
     
  • Dow Jones

    33.974,86
    -177,15 (-0,52%)
     
  • Nasdaq

    12.939,98
    -162,57 (-1,24%)
     
  • Nikkei 225

    29.222,77
    +353,86 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    87,43
    +0,90 (+1,04%)
     
  • BTC-EUR

    23.022,78
    -583,79 (-2,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    555,97
    -16,85 (-2,94%)
     
  • Oro

    1.782,40
    -7,30 (-0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,0183
    +0,0012 (+0,12%)
     
  • S&P 500

    4.273,42
    -31,78 (-0,74%)
     
  • HANG SENG

    19.922,45
    +91,93 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.766,50
    -38,72 (-1,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8436
    +0,0031 (+0,37%)
     
  • EUR/CHF

    0,9687
    +0,0030 (+0,31%)
     
  • EUR/CAD

    1,3139
    +0,0080 (+0,62%)
     

Covid, Bassetti vs Pregliasco e Ricciardi: "In Italia ascoltano solo i gufi"

(Adnkronos) - "In Italia si ascoltano solo i gufi. Io credo che con questo modo di affrontare la pandemia ci stiamo ponendo ai margini del mondo, e all'estero siamo considerati pari al modello cinese". Così Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive al San Martino di Genova, commenta all'Adnkronos Salute le dichiarazioni dei colleghi Fabrizio Pregliasco e Walter Ricciardi. Il primo ha affermato che "Omicron sarà disastrosa e infetterà tutti, anche guariti e vaccinati", il secondo che "l'aumento dei contagi è la conseguenza delle misure tolte a maggio".

"Il resto del mondo ha affrontato l'aumento dei contagi senza isterismi, da noi spuntano catastrofisti che fanno solo male. E così si perde fiducia nel sistema sanitario e nei vaccini. I danni che fanno alcuni colleghi oggi si riverseranno nel prossimo autunno che rischia di essere devastante. E la colpa sarà di chi fino ad oggi non ha voluto dare respiro alle persone".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli