Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.218,26
    +248,74 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    12.464,23
    +87,05 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,09
    +0,45 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    15.939,14
    +95,92 (+0,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    365,19
    -14,05 (-3,71%)
     
  • Oro

    1.837,70
    +0,90 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0022 (-0,1819%)
     
  • S&P 500

    3.699,12
    +32,40 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5490
    -0,0127 (-0,81%)
     

Covid, Cina: maggiore cooperazione per tracciare il virus

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
(Foto Getty)
(Foto Getty)

La fonte del virus è una "questione complessa" che potrebbe "coinvolgere più Paesi". A distanza di quasi un anno dallo scoppio del Covid-19 dall’epicentro di Wuhan, il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, ha invitato tutti i Paesi a rafforzare la cooperazione con l'Oms sulla tracciabilità del Sars-Cov-2.

L’invito alla collaborazione arriva alla luce di quanto emerso dallo studio dell'Istituto dei tumori di Milano e università di Siena, che evidenzierebbe la presenza del Covid in Italia già a settembre 2019, cioè quasi tre mesi prima che le autorità cinesi riferissero di una "misteriosa polmonite".

GUARDA ANCHE: Covid-19, come viaggia il virus nell'aria

Lo studio

La ricerca condotta presso l'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano ha esaminato campioni di sangue prelevati da pazienti coinvolti in uno studio sul cancro. Un team di ricercatori, guidati dal direttore scientifico Giovanni Apolone, ha prelevato i campioni di 959 persone, tutte asintomatiche, che avevano partecipato agli screening per il tumore al polmone tra settembre 2019 e marzo 2020. È emerso che l'11,6% (111 su 959) di queste persone aveva gli anticorpi al coronavirus, e di questi il 14% dimostrava di avere avuto il Covid già a settembre.

LEGGI ANCHE: Istituto Tumori Milano: Covid in Italia già da settembre 2019

GUARDA ANCHE: Covid, la mutazione italiana è molto più contagiosa

Nuovi risvolti

Se questi dati venissero confermati, si aprirebbero senari inediti. Apolone, intervistato da Reuters, ha tenuto a specificare che è fondamentale pianificare ulteriori indagini: “Dobbiamo capire se avevano sintomi di malattia. Dove erano andati, se avevano avuto contatti con la Cina", ha detto il direttore scientifico, chiedendo ai colleghi di tutto il mondo di “aprire i loro database e condurre ricerche retrospettive".

Cosa ha detto l'Oms

L'Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che la malattia respiratoria provocata dal Covid-19 era sconosciuta prima che fosse segnalata l'epidemia di Wuhan, ma ha aggiunto che la possibilità che il virus possa essere “circolato silenziosamente altrove” non può essere esclusa.

GUARDA ANCHE: Coronavirus, come funziona il test fai da te