Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.119,20
    +504,20 (+2,33%)
     
  • Dow Jones

    31.500,68
    +823,32 (+2,68%)
     
  • Nasdaq

    11.607,62
    +375,43 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    26.491,97
    +320,72 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    107,06
    +2,79 (+2,68%)
     
  • BTC-EUR

    19.918,82
    -4,62 (-0,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    462,12
    +8,22 (+1,81%)
     
  • Oro

    1.828,10
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0559
    +0,0034 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.911,74
    +116,01 (+3,06%)
     
  • HANG SENG

    21.719,06
    +445,19 (+2,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.533,17
    +96,88 (+2,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8599
    +0,0021 (+0,25%)
     
  • EUR/CHF

    1,0109
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,3604
    -0,0070 (-0,51%)
     

Covid, continua miglioramento di tutti i parametri in Italia - Iss

Palazzo Chigi a Roma, illuminata con il tricolore italiano

MILANO (Reuters) - Prosegue anche questa settimana il calo di tutti gli indicatori dello stato dell'epidemia Covid in Italia.

Lo certificano i dati della settimana dal 13 al 19 maggio alla valutazione della cabina di regia che prepara il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità-ministero della Salute.

L'incidenza settimanale scende a 375 ogni 100.000 abitanti rispetto ai 458 ogni 100.000 della settimana precedente.

Nel periodo 27 aprile-10 maggio 2022, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,89, in diminuzione rispetto alla settimana precedente.

L'Rt è l'indice che dice quanti possono essere contagiati da una sola persona in media e in un certo periodo di tempo.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva scende al 3,1% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 19 maggio)rispetto al 3,4% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 12 maggio).

Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 10,9% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 19 maggio) rispetto al 12,6% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 12 maggio).

Nessuna regione è classificata a rischio alto. Una regione è classificata a rischio moderato, tutte le altre sono a rischio basso.

La percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è stabile (12% rispetto al 13% la scorsa settimana). Aumenta leggermente la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (45% confronto al 43%), mentre è sostanzialmente stabile la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (43% rispetto al 44%).

(Emilio Parodi, editing Sabina Suzzi, mailto:emilio.parodi@thomsonreuters.com; +39 06 8030 7744)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli