Italia markets close in 59 minutes
  • FTSE MIB

    24.705,77
    -38,61 (-0,16%)
     
  • Dow Jones

    34.094,93
    -105,74 (-0,31%)
     
  • Nasdaq

    13.950,30
    -102,04 (-0,73%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • Petrolio

    63,32
    +0,19 (+0,30%)
     
  • BTC-EUR

    46.478,57
    +308,37 (+0,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.258,55
    -40,40 (-3,11%)
     
  • Oro

    1.773,40
    -6,80 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,2032
    +0,0052 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    4.171,82
    -13,65 (-0,33%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.026,44
    -6,55 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    -0,0045 (-0,52%)
     
  • EUR/CHF

    1,1005
    -0,0017 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,5046
    +0,0061 (+0,41%)
     

Covid. da Bper nasce Trust multi-progetto 'Uniti oltre le attese'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

L’iniziativa 'Uniti oltre le attese', avviata la scorsa primavera dal gruppo Bper Banca, volta a mitigare gli effetti negativi del Covid-19 attraverso uno stanziamento di oltre 3 milioni di euro, ha esteso il proprio raggio d’azione in favore del personale sanitario colpito in modo diretto dalla pandemia. In particolare, si legge in una nota, il gruppo bancario ha istituito lo scorso 18 marzo, in occasione della prima giornata nazionale in memoria delle vittime da Coronavirus, il Trust multi-progetto per le emergenze denominato 'Uniti oltre le attese', che prevede, tra le altre attività, un primo fondo di 500.000 euro dedicato alle famiglie degli infermieri deceduti a causa del Covid-19.

Il progetto benefico, realizzato tramite Bper Trust Company, la società del gruppo Bper fondata nel 2012 e specializzata in consulenza non finanziaria per la protezione del patrimonio e la gestione di trust, comporterà l’attivazione della procedura presso l’Agenzia delle Entrate per ottenere la qualifica di Onlus. Per l’impostazione del trust, Bper Trust Company ha potuto contare sul prezioso supporto del'avvocato Maurizio Lupoi e del notaio Carlo Camocardi, dello Studio Notarile Vincenzi Camocardi, per la formalizzazione dell’atto.

La costituzione dei criteri per l’accesso al fondo da parte dei familiari degli infermieri colpiti da Covid-19 è stata realizzata in collaborazione con Fnopi (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche), a cui il Trust di Bper riconoscerà, inoltre, una donazione diretta in favore del Fondo di solidarietà 'Noi Con Gli Infermieri'. Quest’ultimo, istituito da Fnopi, supporta da un anno non solo le famiglie dei professionisti colpiti in modo mortale dal virus, ma anche numerose altre tipologie di infermieri danneggiati.

Come spiega ancora la nota dell'istituto di credito, un Organo di Guardiania costituito da tre 'guardiani' individuati da Bper, due con competenze giuridiche e di liberalità, e una figura rappresentativa del Forum Nazionale Terzo Settore, quale l’attuale portavoce Claudia Fiaschi, si occuperà di verificare la corretta esecuzione delle indicazioni previste nell'atto in favore delle famiglie degli infermieri che accederanno al fondo. Il Trust, una volta ottenuta la qualifica di Onlus, potrà godere dei benefici fiscali previsti sia dalla Legge Onlus che dal Codice del Terzo Settore e accettare conferimenti anche da parte di terzi, clienti e non della banca, che vorranno sostenere o avviare nuovi progetti di solidarietà.

"Il Trust multi-progetto ‘Uniti oltre le attese’ si candida a diventare un modello innovativo di proposta e di gestione delle erogazioni benefiche legate a situazioni di emergenza – ha affermato il presidente di Bper Banca Pietro Ferrari – grazie anche alla rendicontazione periodica che Bper Trust Company potrà fornire. Si tratta infatti di uno strumento che garantisce, in sicurezza, la corretta destinazione delle risorse agli obiettivi prefissati. Le verifiche dell’Organo di Guardiania e la presenza delle procedure di vigilanza a cui sono soggetti i trustee bancari possono incontrare la fiducia nel donare e la consapevolezza di poter monitorare il raggiungimento dello scopo previsto", ha concluso Ferrari.

"Gli infermieri - ha aggiunto la presidente della Fnopi, Barbara Mangiacavalli – hanno fatto fronte alla pandemia lavorando incessantemente sul territorio, dagli ospedali alle Rsa, pagando un prezzo altissimo in termine di vite. Contiamo già 84 vittime del Covid-19 in servizio e spesso si è trattato di colleghi molto giovani, con figli ancora in età scolare e coniugi a loro volta impiegati nel Servizio Sanitario Nazionale. Essere al fianco di queste famiglie, anche quando l’emergenza passerà, è un atto necessario e per questo ringraziamo tutte le realtà che ci stanno affiancando per fornire risposte concrete agli infermieri in difficoltà”.