Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.687,19
    -113,41 (-0,34%)
     
  • Nasdaq

    13.826,85
    -73,34 (-0,53%)
     
  • Nikkei 225

    29.538,73
    -229,33 (-0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    50.428,13
    -332,94 (-0,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.283,92
    -10,66 (-0,82%)
     
  • HANG SENG

    28.453,28
    -245,52 (-0,86%)
     
  • S&P 500

    4.120,25
    -8,55 (-0,21%)
     

Covid: da Governo ok vaccini in azienda e in Gdo, obiettivo lavoro covid free

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Il governo apre alla possibilità che le aziende procedano a vaccinare i propri dipendenti per potenziare la rete messa in campo contro il Covid. Non sarà però una procedura alternativa, questa, ma solo un "canale parallelo" con cui costruire quella "capillarità" necessaria ad una campagna vaccinale che avrà come obiettivo un "mondo del lavoro covid free". A tracciare il senso di marcia ad aziende e sindacati il ministro del Lavoro, Andrea Orlando che oggi ha convocato ad un tavolo di confronto il mondo dell'impresa e quello sindacale.

Un percorso che passerà anche da una "manutenzione" del protocollo sulla Sicurezza dei luoghi di lavoro firmato, quasi un anno fa con sindacati e imprese. Nessuno "stravolgimento" , ha confermato ancora Orlando, trovando le orecchie attente di Cgil, Cisl , Uil e Ugl, nè tantomento un "allargamento indiscriminato" delle maglie del sistema di regole anti covid, quanto piuttosto "un adeguamento alla mutazione del fenomeno di questi mesi e degli strumenti necessari al contrasto dell'epidemia". A questo servirà dunque un nuovo round tecnici tra i ministeri interessati, Lavoro e Salute, che poi condivideranno nuovamente il Protocollo con le parti sociali.

E tornando all'inclusione di altri soggetti nella campagna di vaccinazione il governo non si nasconde la difficoltà del momento: "E' chiaro che per questo avremmo bisogno di una quantità di dosi di vaccino molto più larga di quanto abbiamo ora, ma fin da subito serve iniziare ad organizzarci in vista dell'obiettivo", ha spiegato il ministro della Salute Roberto Speranza che ha partecipato all'incontro assieme al Generale Francesco Paolo Figliuolo, nuovo Commissario straordinario per l'emergenza Covid. Resta anche il fatto, come ribadito a più riprese lo stesso Orlando, che la rete di medici aziendali, imprese o grande distribuzione, "non si sostituisce" alla rete territoriale.

"Il ragionamento non mi sfugge: è chiaro che la rete dei medici aziendali arriva in aziende di una certa dimensione e non in altre, ma dobbiamo ricordare che ci sono gli accessi ordinari", rassicura ancora spiegando come l'obiettivo sia quello "di provare a ridurre il gap di accessi e dare opportunità in più". Per questo il governo utilizzerà anche gli ambulatori Inail "per far si che anche quel lavoratore che non ha un medico aziendale possa comunque accedere ad un ulteriore canale".

La finalità dell'esecutivo mirerebbe anche ad intercettare un'altra domanda: quella di categorie più fortemente esposte al rischio. Per questo Orlando ha annunciato come in uno dei prossimi decreti saranno inserite nuove misure ad hoc per questa categoria di lavoratori. Un intervento, questo, che in fase di conversione sarà sottoposto al confronto con sindacati e imprese, ha assicurato. D'accordo con una strategia che ampli la rete di vaccinazione anche il Commissario straordinario. Serve la "massima capillarizzazione possibile per i vaccini" per cui "ben venga" l'ipotesi che le aziende o la grande distribuzione vaccinino i propri dipendenti, ha spiegato al tavolo il Generale Figliuolo. (di Alessandra Testorio)