Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.803,98
    +513,90 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    14.112,03
    +81,66 (+0,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.010,93
    -953,15 (-3,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1909
    +0,0044 (+0,37%)
     
  • BTC-EUR

    27.472,04
    -1.749,64 (-5,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    801,18
    -49,17 (-5,78%)
     
  • HANG SENG

    28.489,00
    -312,27 (-1,08%)
     
  • S&P 500

    4.215,76
    +49,31 (+1,18%)
     

Covid: Fondazione Gimbe, si svuotano gli ospedali e calano i decessi

·1 minuto per la lettura

Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe rileva nella settimana 26 maggio - 1° giugno 2021, rispetto alla precedente, un’ulteriore diminuzione di nuovi casi (22.412 rispetto 30.867) e decessi (720 rispetto 1.004). In netto calo anche i casi attualmente positivi (225.751 rispetto 268.145), le persone in isolamento domiciliare (218.570 vs 258.265), i ricoveri con sintomi (6.192 rispetto 8.557) e le terapie intensive (989 rispetto 1.323). "Grazie alle coperture vaccinali di anziani e fragili – afferma Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione Gimbe – continua il progressivo svuotamento degli ospedali. L’occupazione dei posti letto Covid a livello nazionale si attesta al 10% in area medica e all’11% in terapia intensiva, con tutte le Regioni sotto le soglie di allerta». In dettaglio, dal picco del 6 aprile i posti letto occupati in area medica sono scesi da 29.337 a 6.192 (-78,9%) e quelli in terapia intensiva da 3.743 a 989 (-73,6%). Scende meno rapidamente la curva delle persone in isolamento domiciliare: dal picco del 28 marzo si sono ridotte da 540.855 a 218.570 (-59,6%)". "Gli ingressi in terapia intensiva – spiega Marco Mosti, direttore operativo della Fondazione Gimbe – scendono da 9 settimane con una media mobile a 7 giorni che si attesta a 36 ingressi/die".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli