Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.824,14
    +82,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    15.254,98
    +28,28 (+0,19%)
     
  • Nikkei 225

    29.106,01
    +505,60 (+1,77%)
     
  • EUR/USD

    1,1601
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    53.738,34
    -1.034,96 (-1,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.501,64
    -3,51 (-0,23%)
     
  • HANG SENG

    26.038,27
    -93,76 (-0,36%)
     
  • S&P 500

    4.582,69
    +16,21 (+0,35%)
     

Covid, Gimbe: scendono nuovi casi e terapie intensive. Stabili decessi

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 set. (askanews) - Scendono ancora in Italia i nuovi casi di Coronavirus (-14,9%), i ricoveri ordinari (-5,5%) e le terapie intensive (-6,9%), mentre restano stabili i decessi. E' quanto rileva la Fondazione Gimbe nel suo ormai tradizionale report che fa riferimento alla settimana 15-21 settembre. Per quaqnto riguarda, invece, i vaccini, si afferma che le scorte hanno raggiunto gli oltre 10 milioni di dosi, ma i nuovi vaccinati crollano del 41% in due settimane. Infine per quanto riguarda le scuole, con la variante Delta, le misure adottate, vengono definite "insufficienti per limitare i contagi". Il monitoraggio della fondazione Gimbe, conferma, quindi, un ulteriore calo di tutte le curve, ad eccezione dei decessi che si confermano stabili. Sul fronte della campagna vaccinale calano le somministrazioni (1,48 mln): questa settimana solo risultate, infatti, 486 mila nuovi vaccinati. "L'esitazione vaccinale - afferma Gimbe - persiste negli over 50 e frena la fascia 12-19, dove quasi 1,5 milioni di ragazzi non hanno ancora ricevuto nemmeno una dose di vaccino. Si mantiene molto elevata l'efficacia vaccinale: riduzione decessi e terapie intensive oltre il 95% e ricoveri in area medica del 93%". Sulle scuole si afferma, invece, che "con una variante delta più contagiosa tra bambini e adolescenti serve un approccio multifattoriale composto da differenti interventi di prevenzione individuale e ambientale". Il monitoraggio della Fondazione Gimbe rileva, sempre nella settimana 15-21 settembre 2021, rispetto alla precedente, una diminuzione di nuovi casi (28.676 vs 33.712) e una sostanziale stabilità dei decessi (394 vs 389). In calo anche i casi attualmente positivi (109.513 vs 122.340), le persone in isolamento domiciliare (105.060 vs 117.621), i ricoveri con sintomi (3.937 vs 4.165) e le terapie intensive (516 vs 554) (figura 3). In dettaglio, rispetto alla settimana precedente, si registrano le seguenti variazioni: Decessi: 394 (+1,3%), di cui 33 riferiti a periodi precedenti; Terapia intensiva: -38 (-6,9%); Ricoverati con sintomi: -228 (-5,5%); Isolamento domiciliare: -12.561 (-10,7%); Nuovi casi: 28.676 (-14,9%); Casi attualmente positivi: -12.827 (-10,5%).

"Continuano a diminuire i nuovi casi settimanali - dichiara Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe - sia come numeri assoluti che come media mobile dei casi giornalieri che si attesta a 4.097".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli