Italia markets open in 2 hours 46 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.358,46
    -60,05 (-0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,1758
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    11.285,35
    +14,64 (+0,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    262,45
    -10,24 (-3,75%)
     
  • HANG SENG

    24.478,84
    -229,96 (-0,93%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Covid, in Italia possibili lockdown mirati. Interviene Pregliasco

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
ovid, in Italia possibili lockdown mirati. Interviene Pregliasco (AP Photo/Antonio Calanni)
ovid, in Italia possibili lockdown mirati. Interviene Pregliasco (AP Photo/Antonio Calanni)

Con i numeri del contagio da coronavirus in aumento in Italia, preoccupano soprattutto i dati sulle vittime e i nuovi pazienti in terapia intensiva. I decessi, infatti, sono stati 24 sabato e 15 domenica. Per questo Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano e direttore sanitario dell’Ircss Galeazzi di Roma ha cercato di fare chiarezza sulla situazione in un’intervista al Messaggero.

L’andamento, ha chiarito Pregliasco, è “endemico” e “questa tendenza all'incremento viene registrata da alcune settimane”. “Dovevamo aspettarcelo - ha aggiunto - perché stiamo assistendo in gran parte delle province d'Italia ad una serie di focolai”.

GUARDA ANCHE - Il test diventa portatile: la novità

In merito al “comportamento” del virus, l’esperto ha spiegato che “quando viene lasciato a sé, tende a creare un'omogeneizzazione tra regioni e nazioni. Quindi deve essere mantenuta, anzi rafforzata la capacità di fare il maggior numero di test possibili per individuare i casi. Per non arrivare alle misure restrittive degli altri Stati”.

Le nuove misure che potranno essere messe in atto, ha chiarito Pregliasco, saranno “lockdown mirati, per intervenire in determinate situazioni, ma attenzione: teniamo sempre conto delle conseguenze drammatiche che arriverebbero sul lavoro e sulla psicologia delle persone. Per questo, ribadisco, serve la massima attenzione e il rispetto delle regole anti-Covid”.

In futuro “faremo i conti con gli sbalzi termici e con il contributo di altri virus. Però una speranza arriva guardando quel che è accaduto in Australia” dove “la stagione influenzale sta finendo e, con le regole anti-Covid hanno avuto una stagione lieve”.

GUARDA ANCHE - Coronavirus e influenza a confronto