Italia markets close in 19 minutes
  • FTSE MIB

    21.239,21
    -451,44 (-2,08%)
     
  • Dow Jones

    29.916,73
    -399,59 (-1,32%)
     
  • Nasdaq

    10.935,45
    -240,96 (-2,16%)
     
  • Nikkei 225

    27.120,53
    +128,32 (+0,48%)
     
  • Petrolio

    88,01
    +1,49 (+1,72%)
     
  • BTC-EUR

    20.194,26
    -335,96 (-1,64%)
     
  • CMC Crypto 200

    450,64
    -7,77 (-1,69%)
     
  • Oro

    1.716,40
    -14,10 (-0,81%)
     
  • EUR/USD

    0,9857
    -0,0129 (-1,29%)
     
  • S&P 500

    3.730,06
    -60,87 (-1,61%)
     
  • HANG SENG

    18.087,97
    +1.008,46 (+5,90%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.435,21
    -49,27 (-1,41%)
     
  • EUR/GBP

    0,8771
    +0,0072 (+0,82%)
     
  • EUR/CHF

    0,9715
    -0,0069 (-0,70%)
     
  • EUR/CAD

    1,3493
    +0,0012 (+0,09%)
     

Covid, Inps: picco malattia a gennaio 2022 con 30 milioni di giornate non lavorate

(Adnkronos) - La pandemia ha inciso pesantemente sul mondo del lavoro sia in termini di sospensione delle attività e il conseguente ricorso alla cig, sia in termini di giornate non lavorate per malattia. Secondo il XXI Rapporto annuale Inps, dall'inizio della pandemia (gennaio 2019), nel settore privato, si è toccato il picco nel mese di gennaio 2022 con quasi 30 milioni di giornate di malattia, un valore che corrisponde a ben oltre un milione di assenti full month equivalent. Nel dato sono comprese le assenze dei soggetti fragili e in quarantena.

"L’impatto della pandemia nella riduzione dell’input di lavoro, anche senza ridurre i posti di lavoro, non si registra quindi solamente con i dati sul ricorso alle sospensioni ma anche con quelli relativi all’impatto delle assenze per malattia (o per quarantena): all’inizio del 2022 questa è stata la causa del maggior numero di giornate lavorative perse", si legge nel Rapporto Inps.

Inoltre, aggiunge l'Istituto, va considerato che "l’impatto degli eventi di malattia è per definizione meno prevedibile e quindi, per le aziende, organizzativamente più difficile da gestire che non il ricorso alle sospensioni".

E se i cassintegrati Inps (sono esclusi dal conteggio gli artigiani cui provvede il Fsba, Fondo solidarietà bilaterale artigianato) hanno superato i 5 milioni ad aprile 2020, in seguito sono diminuiti rapidamente.

Il numero di malati, invece, dopo una prima impennata a marzo 2020, è divenuto di eccezionale rilevanza a gennaio 2022 quando si sono superati i 3 milioni di assenti per malattia (o quarantena).

L’intensità - e le conseguenti oscillazioni - nel numero di malati risulta accentuata nell’ambito del lavoro dipendente privato; anche per il settore pubblico si registra comunque il picco di assenze a gennaio 2022, con circa 750.000 dipendenti malati.