Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.021,61
    -462,11 (-1,34%)
     
  • Nasdaq

    15.254,05
    -283,64 (-1,83%)
     
  • Nikkei 225

    27.935,62
    +113,86 (+0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    -0,0022 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    50.146,36
    -1.068,46 (-2,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.446,25
    -22,83 (-1,55%)
     
  • HANG SENG

    23.658,92
    +183,66 (+0,78%)
     
  • S&P 500

    4.512,91
    -54,09 (-1,18%)
     

Covid Italia, epidemia in ripresa: 4 le Regioni più a rischio

·2 minuto per la lettura

Epidemia di Covid-19 in ripresa in Italia. Per la settimana appena trascorsa risulta positiva una persona ogni 16 nuovi individui testati, in aumento rispetto alla settimana precedente. Le Regioni più a rischio sono Friuli Venezia Giulia, Veneto, Umbria, Emilia Romagna, almeno secondo un indice che tiene conto di cinque fattori che incidono sull’andamento dell’epidemia: la proporzione dei nuovi positivi tra i testati, l’incidenza dei contagi, lo stress sulle terapie intensive, la mortalità e la proporzione di popolazione non vaccinata. È quanto emerge dalla 71ma puntata dell’Instant Report Covid-19, iniziativa dell’Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari (Altems) dell’Università Cattolica di confronto sistematico dell’andamento della diffusione del Sars-Cov-2 a livello nazionale.

"L’indice epidemico composito elaborato dall’Altems mostra nuovi elementi di preoccupazione per la ripresa della pandemia", afferma il Americo Cicchetti, direttore dell'Alta scuola.

"L’indice - continua - mostra che quattro Regioni attualmente si trovano in uno scenario su cui porre più attenzione". I dati, al 25 ottobre, mostrano - indica il Report - che la percentuale di casi attualmente positivi (n = 74.654) sulla popolazione nazionale è pari a 0,13% (stabile rispetto ai dati del 18 ottobre). La percentuale di casi (n= 4.743.720) sulla popolazione italiana è in aumento, passando dal 7,91% al 7,95%.

Per quanto riguarda la letalità (rapporto decessi su positivi) nell’ultima settimana il dato più elevato si registra in Sardegna, ed è pari a 5,15 su 1.000 abitanti e in Friuli-Venezia Giulia pari a 5,13 su 1.000, nonostante siano ben lontani dal valore massimo registrato a marzo. Per quanto riguarda il dato di mortalità (rapporto decessi su popolazione) nell’ultima settimana, a livello nazionale, è pari a 0,36 (mortalità grezza apparente) in leggero calo rispetto ai dati del 18 ottobre (0,39 x 1.000). Il dato più elevato si registra in Friuli-Venezia Giulia allo 0,75 seguito da Sicilia allo 0,70 e Lazio 0,59.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli