Italia markets close in 1 hour 50 minutes
  • FTSE MIB

    24.826,74
    +216,45 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.470,60
    -119,17 (-0,34%)
     
  • Nasdaq

    11.488,04
    +20,05 (+0,17%)
     
  • Nikkei 225

    28.226,08
    +257,09 (+0,92%)
     
  • Petrolio

    82,69
    +2,14 (+2,66%)
     
  • BTC-EUR

    16.253,95
    +102,72 (+0,64%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,32
    -1,83 (-0,45%)
     
  • Oro

    1.813,40
    +53,50 (+3,04%)
     
  • EUR/USD

    1,0509
    +0,0101 (+0,97%)
     
  • S&P 500

    4.085,49
    +5,38 (+0,13%)
     
  • HANG SENG

    18.736,44
    +139,21 (+0,75%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.997,15
    +32,43 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8562
    -0,0063 (-0,73%)
     
  • EUR/CHF

    0,9863
    +0,0027 (+0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4109
    +0,0144 (+1,03%)
     

Covid Italia, si ferma la discesa dei ricoveri

(Adnkronos) - Si ferma la discesa dei ricoveri Covid in Italia. Dopo due mesi di calo progressivo dei pazienti presenti negli ospedali, nell'ultima settimana la variazione del numero dei ricoverati torna ad avere segno positivo. Nella rilevazione del 27 settembre relativa agli ospedali sentinella aderenti alla rete di Fiaso (Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere) si registra un "lieve aumento pari al 5,6%".

Si tratta, tuttavia, spiegano dalla federazione, "di un incremento relativo ai soli reparti ordinari ed è interamente a carico dei pazienti con Covid, cioè coloro che non hanno sviluppato sintomi respiratori ma sono arrivati in ospedale per curare altre patologie e sono stati trovati incidentalmente positivi al tampone". Se questo dato può indicare un leggero aumento delle infezioni, prosegue la Fiaso, "non depone per un aumento dei ricoveri per Covid", cioè "coloro che sviluppano sindromi respiratorie e polmonari tipiche della malattia da Covid, che calano invece del 2,1% rispetto alla settimana scorsa". Al momento, dunque, non si registrano segnali di risalita.

Nelle terapie intensive, invece, si evidenzia un calo pari a una unità e dunque una situazione di sostanziale stabilità a fronte di numeri ormai molto limitati. "Il rallentamento dei ricoveri Covid questa settimana vira verso la stabilità - commenta il presidente di Fiaso Giovanni Migliore - Il lieve aumento, infatti, è relativo solo a quei pazienti che hanno solo contratto l'infezione senza sviluppare i segni della malattia e testimonia, come ci hanno confermato i dati di questi giorni, la maggiore circolazione del virus che ha portato a una risalita dei contagi. La piccola percentuale di decrescita dei ricoverati per Covid nei reparti ordinari, inoltre, non fa pensare alla temuta inversione di tendenza con l'arrivo dell'autunno e la riapertura delle scuole". Complessivamente sono 26 i pazienti sotto i 18 anni ricoverati nei reparti Covid dei quattro ospedali pediatrici e nei reparti di Pediatria degli ospedali sentinella aderenti al network di monitoraggio di Fiaso. Rispetto alla scorsa rilevazione i ricoverati aumentano di una unità.