Italia markets close in 6 hours 12 minutes
  • FTSE MIB

    25.497,48
    +144,12 (+0,57%)
     
  • Dow Jones

    33.919,84
    -50,63 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    14.746,40
    +32,49 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • Petrolio

    71,58
    +1,09 (+1,55%)
     
  • BTC-EUR

    35.948,96
    -1.151,18 (-3,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.051,36
    -12,49 (-1,17%)
     
  • Oro

    1.775,70
    -2,50 (-0,14%)
     
  • EUR/USD

    1,1740
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • S&P 500

    4.354,19
    -3,54 (-0,08%)
     
  • HANG SENG

    24.221,54
    +122,40 (+0,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.133,68
    +36,17 (+0,88%)
     
  • EUR/GBP

    0,8606
    +0,0027 (+0,31%)
     
  • EUR/CHF

    1,0822
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,5017
    -0,0006 (-0,04%)
     

Covid, Italia Viva: "In bollettino anche incidenza su vaccinati"

·1 minuto per la lettura

“Perché non inserire nel bollettino quotidiano dei contagi, ricoveri e decessi" da coronavirus in Italia "il dato su chi è vaccinato e chi no?”. Lo hanno chiesto i deputati di Italia Viva in un’interpellanza urgente al governo. “Secondo i dati dell’Istituto superiore della Sanità, la grande maggioranza dei contagi riguarda soggetti non vaccinati. Ma l’eventualità che le vaccinazioni nella popolazione raggiungano alti livelli di copertura – spiegano - può portare al paradosso per cui i pochi casi tra i vaccinati possano apparire proporzionalmente numerosi. È però un paradosso scientificamente noto e necessita di essere comunicato e pubblicizzato per scongiurare inutili preoccupazioni o perdita di fiducia nei confronti della campagna vaccinale”.

"È indispensabile – sottolineano - provvedere tempestivamente ad aggiornare i dati contenuti nei bollettini giornalieri della Protezione Civile, per evidenziare quanti contagi, ospedalizzazioni, ricoveri in terapia intensiva e decessi siano da riferire a soggetti non vaccinati e quanti di questi siano, invece, da riferire a soggetti vaccinati con una sola dose o che abbiano già completato l’intero ciclo vaccinale. Includere nella comunicazione dei dati ufficiali sull’andamento dell’emergenza epidemiologica una specifica indicazione dell’incidenza, in proporzione, del virus sui soggetti vaccinati, e non, si rivela cruciale non solo per la comunità scientifica, ma anche per l’intera comunità nazionale, la cui incolumità e sicurezza sul piano sanitario non può essere messa a repentaglio da una facile strumentalizzazione dei dati che possa compromettere il buon esito della campagna di vaccinazione”, concludono.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli