Italia markets open in 4 hours 31 minutes
  • Dow Jones

    35.911,81
    -201,79 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    14.893,75
    +86,95 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    28.318,54
    +194,26 (+0,69%)
     
  • EUR/USD

    1,1419
    +0,0004 (+0,03%)
     
  • BTC-EUR

    37.622,77
    -312,41 (-0,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.035,63
    +9,90 (+0,97%)
     
  • HANG SENG

    24.214,91
    -168,41 (-0,69%)
     
  • S&P 500

    4.662,85
    +3,82 (+0,08%)
     

Covid, Jelinic (Fiavet): "non esiste rischio zero ma viaggi organizzati più sicuri"

·1 minuto per la lettura

"Non esiste una situazione a rischio zero, lo abbiamo visto ovunque anche in Italia, però dobbiamo adattarci sempre di più ad una nuova normalità". E' quanto afferma Ivana Jelinic, presidente di Fiavet, la Federazione che rappresenta le agenzie di viaggio di Confcommercio, interpellata dall'Adnkronos sulla sicurezza dei corridoi turistici attualmente aperti per viaggiare all'estero, rispetto alla possibilità di contagiarsi al covid, dopo le segnalazioni di connazionali positivi e andati in quarantena per aver viaggiato verso mete esotiche, quali ad esempio le Maldive, durante le festività natalizie.

"Benissimo quindi tutte le precauzioni, di screening e monitoraggio ma pensare ad una situazione totalmente covid free è una sciocchezza, perché io posso risultare negativa ad un tampone rapido o molecolare stamattina e nel pomeriggio scoprirmi positiva" sottolinea Jelinic precisando però che quando si viaggia attraverso "un'agenzia di viaggio o un tour operator si offrono maggiori garanzie sulla sicurezza rispetto a chi viaggia in maniera autonoma perché si seguono le regole del corridoio turistico, i protocolli predisposti dal ministero della Salute. Ad esempio - aggiunge - si prevede di fare scalo in un determinato aeroporto autorizzato, di fare tamponi anche durante la vacanza se si superano le 7 notti, ecc, mentre se uno non segue il corridoio al ritorno si deve fare la quarantena".

Poi c'è il tema sanitario. "Chi si muove in maniera autonoma si espone a un maggior rischio e non può essere monitorato". Inoltre, con l'agenzia di viaggio se un cliente dovesse risultare positivo viene seguito e si accompagna, oltre a prevedere l'assicurazione, per rendere il più possibile sicuro e sereno il viaggio". "Anche i protocolli che seguono le navi da crociera sono veramente rigorosi e tuttavia anche lì si sono verificati dei casi. Rischio zero, lo ribadisco, non esiste" conclude Jelinic.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli