Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.821,96
    +456,54 (+3,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1967
    +0,0054 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,81%)
     
  • EUR/CHF

    1,0823
    +0,0026 (+0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,5540
    +0,0039 (+0,25%)
     

Covid: la Francia potrebbe chiudere le frontiere con la Spagna

·1 minuto per la lettura
coronavirus-spagna confini francia
coronavirus-spagna confini francia

Il massiccio aumento dei contagi di coronavirus in Spagna, in particolare in Catalogna, ha spinto il premier della Francia Jean Castex a valutare la chiusura dei confini per evitare eventuali casi di importazione.

Coronavirus in Spagna: chiusura confini con Francia

La stiamo monitorando molto attentamente, qui in particolare, perché è un argomento reale che dobbiamo anche discutere con le autorità spagnole“, ha affermato Castex durante una visita nel dipartimento di confine dei Pirenei orientali, nel Sud-Ovest del paese, in merito alla situazione spagnola.

L’apertura della frontiera tra Francia e Spagna è avvenuta il 21 giugno, dopo tre mesi di rigoroso contenimento da parte spagnola per arginare la pandemia. A distanza di quasi un mese però il repentino aumento dei contagi in terra catalana preoccupa l’Europa che potrebbe ricorrere a misure di restrizione.

Nella sola giornata di sabato 18 luglio 2020 i positivi riscontrati sono stati oltre 1.200, la maggior parte dei quali localizzati nell’area intorno a Barcellona. Il giorno prima le autorità locali avevano raccomandato i residenti della città di rimanere in casa e ridurre al minimo gli spostamenti. Non escludendo comunque di passare dalla raccomandazione all’imposizione come durante i mesi caldi della pandemia.

L’altra richiesta ai quattro milioni di residenti della città è stata quella di non recarsi presso le proprie seconde case. Il governo ha poi nuovamente chiuso cinema, teatri e discoteche e vietato le riunioni con più di dieci persone, sia pubbliche che private, per due settimane.