Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.117,32
    -19,99 (-0,06%)
     
  • Nasdaq

    14.007,00
    +56,78 (+0,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.188,17
    +679,62 (+2,38%)
     
  • EUR/USD

    1,2016
    -0,0023 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    45.760,45
    -1.169,60 (-2,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.288,97
    +45,91 (+3,69%)
     
  • HANG SENG

    28.755,34
    +133,42 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.177,96
    +4,54 (+0,11%)
     

Covid, la ricerca: un sanitario su tre soffre di stress post traumatico

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

Ansia, rabbia, esaurimento emotivo e depressione: gli operatori sanitari che in questi mesi hanno curato i pazienti Covid-19 mostrano segni evidenti di burnout e sindrome post traumatica da stress. Una condizione che interessa un sanitario su tre. Lo rivela una ricerca che ha anche dimostrato come il trattamento psicoterapico Emdr (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) su medici, infermieri, operatori socio assistenziali e volontari, possa assicurare un netto immediato miglioramento.

Lo studio è stato condotto dall’Associazione per l’Emdr in Italia. Si tratta del primo lavoro italiano che testimonia l’efficacia di questa terapia per l’elaborazione del trauma vissuto dagli operatori sanitari nel corso della pandemia. La ricerca, che sarà presentata in un webinar domani, ha coinvolto 744 persone (di cui 157 non sono stati trattati) sottoposti a quattro differenti tipologie di trattamento Emdr (de visu, di gruppo, on-line e individuali di gruppo).

I dati sono stati raccolti in 17 ospedali e Rsa. Dallo studio è emerso inoltre che il 71,2% degli operatori sanitari ha avuto livelli di ansia superiori al cut-off. In relazione al burnout, più del 60% ha riportato livelli da moderati a elevati di esaurimento emotivo; il 74,4% ha riportato livelli da moderati a elevati di ridotta realizzazione personale; livelli moderati ad elevati di depersonalizzazione si sono presentati in più del 25%. Livelli clinici di depressione sono stati identificati nel 26,8% dei partecipanti, livelli clinici di ansia nel 31,3% e livelli clinici di stress nel 34,3%. Infine, il 36,7% ha riportato sintomi di stress post-traumatico. La ricerca sarà presentata in un webinar domani, alle 19.

"Dall’indagine è emerso che le caratteristiche di evitamento, intrusività e ipereccitazione in questi soggetti sono al di sopra della soglia patologica, dimostrando uno stato traumatico", spiega Marco Pagani, del Consiglio nazionale delle ricerche. Mentre, continua, "dopo il trattamento le condizioni di stress, ansia, umore, rabbia, sonno e aiuto mostrano un miglioramento significativo negli operatori reclutati, un miglioramento raddoppiato rispetto a quello percepito nei soggetti non trattati al semplice passare del tempo. Differenze sono state riscontrate tra i diversi ospedali e trattamenti, mentre non sono emerse differenze significative tra donne e uomini nella risposta alla terapia".

Per Isabel Fernandez, psicoterapeuta e presidente dell’Associazione Emdr Italia, "è necessario tutelare e supportare la salute mentale e il benessere degli operatori sanitari in prima linea, con interventi di supporto psicosociale sia durante che al termine della pandemia. Durante l’emergenza Coronavirus i fattori di rischio per lo sviluppo di reazioni da stress traumatico sono aumentati moltissimo: dal contatto con i pazienti infetti, allo stress fisico causato dai dispositivi di protezione, allo stato di allerta costante, ai turni di lavoro più lunghi, al timore di contagiare amici e parenti. Per questo, oltre a promuovere strategie di protezione nei luoghi di lavoro, si rende necessario intervenire con un supporto psicologico specifico come Emdr, anche all’interno dei servizi sanitari e in ospedale, per facilitare il recupero, il ripristino di una serenità lavorativa e della routine quotidiana".