Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    27.076,79
    +347,44 (+1,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8893
    +0,0034 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    1,0771
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5494
    +0,0119 (+0,77%)
     

Covid Lombardia, seconda ondata: "Fino a 93% contagi in casa"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

In Lombardia fino al 93% dei contagi nella seconda ondata di Covid-19 dopo il lockdown è stato di tipo domestico. E' quanto emerge da un nuovo studio firmato da Carlo Signorelli, docente di Igiene e Sanità pubblica all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, e dal direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza, pubblicato su 'Acta Biomedica', insieme a colleghi dell'Università di Pavia.

"Questo studio - spiega Signorelli all'Adnkronos Salute - mirava a identificare le dinamiche della trasmissione di Sars-Cov-2 attraverso l'analisi dei cluster e dei piccoli focolai rilevati dal sistema di sorveglianza della Regione Lombardia nel corso della seconda ondata epidemica".

Confrontando i dati prima e dopo l'introduzione di misure restrittive (coprifuoco notturno, chiusura parziale di scuole e attività commerciali, smart working), "abbiamo osservato una significativa diminuzione delle infezioni nei luoghi di lavoro, in incontri sociali, bar, ristoranti e centri sportivi. Il contagio nelle scuole è diminuito dal 9,8% al 3,4%, negli ambienti ospedalieri e nelle case di cura è passato dal 5,2% al 2%. Ma le infezioni domestiche sono invece aumentate dal 72,8% al 92,7%".

"Questi risultati suggeriscono che le misure di contenimento sono state efficaci nel controllare la circolazione del virus nella comunità ma non a livello familiare e potrebbero essere utili per futuri interventi, tra cui l'istituzione e l'utilizzo di strutture (Covid hotel) per l'isolamento delle persone contagiate", scrivono i ricercatori.

"Sappiamo ora quantificare il rischio di trasmissione tra i membri della famiglia e durante le riunioni in casa. Un elemento di cui tenere conto - conclude Signorelli - Via via che passano i mesi impariamo che ci sono attività più o meno a rischio. E che anche misure meno drastiche rispetto a quelle della primavera scorsa sono efficaci" nel frenare la corsa del virus.