Italia markets close in 7 hours 19 minutes
  • FTSE MIB

    26.475,58
    +446,69 (+1,72%)
     
  • Dow Jones

    34.297,73
    -66,77 (-0,19%)
     
  • Nasdaq

    13.539,29
    -315,83 (-2,28%)
     
  • Nikkei 225

    27.011,33
    -120,01 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    85,89
    +0,29 (+0,34%)
     
  • BTC-EUR

    33.376,28
    +1.064,72 (+3,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    856,15
    +35,56 (+4,33%)
     
  • Oro

    1.845,10
    -7,40 (-0,40%)
     
  • EUR/USD

    1,1292
    -0,0014 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    4.356,45
    -53,68 (-1,22%)
     
  • HANG SENG

    24.289,90
    +46,29 (+0,19%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.153,37
    +75,11 (+1,84%)
     
  • EUR/GBP

    0,8361
    -0,0007 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0385
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4204
    -0,0065 (-0,46%)
     

Covid, Margiotta (Confsal): "obbligo vaccinale non è soluzione definitiva problema pandemia"

·1 minuto per la lettura

“E’ da sempre che invitiamo le persone a superare le proprie riserve nei confronti del vaccino, che va considerato come il principale strumento di difesa della salute individuale e collettiva. Pensare però che con l'obbligo vaccinale si dia soluzione definitiva al problema pandemia è un'illusione". Ad affermarlo è il segretario generale della Confsal, Angelo Raffaele Margiotta. "Occorre infatti agire soprattutto sul piano del contrasto diretto al virus con due misure sicuramente efficaci: la distribuzione di massa di mascherine e tamponi, per la protezione e sorveglianza individuale; l'installazione capillare di sistemi di aerazione in tutti i luoghi aperti al pubblico, per la difesa collettiva", sottolinea.

Purtroppo, rileva Margiotta, "dopo due anni di governo emergenziale, non si è riusciti ad alzare più di tanto il livello di contrasto diretto rispetto all’ inizio della pandemia. I vari pass, super pass e mega pass si rivelano barriere di contenimento che il virus riesce ad aggirare, e dobbiamo registrare la più grave ondata della pandemia con oltre duecentomila casi giornalieri".

Pertanto, aggiunge Margiotta, "non condividiamo scelte ideologiche-mediatiche che confliggono con la scienza medica, come quella di riaprire inopinatamente le scuole nei giorni in cui cresce esponenzialmente il picco pandemico. Con questi numeri è pressoché certo che in ogni classe ci sia almeno un contagiato con tutto quello che ne deriva. Non alimentiamo l’onda, ma attrezziamo prima le scuole, affinché possano riaprire in sicurezza e nel frattempo funzionare col ricorso alla Dad e allo smart working", conclude il segretario generale della Confsal.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli