Italia markets open in 3 hours 42 minutes
  • Dow Jones

    29.225,61
    -458,13 (-1,54%)
     
  • Nasdaq

    10.737,51
    -314,13 (-2,84%)
     
  • Nikkei 225

    25.979,75
    -442,30 (-1,67%)
     
  • EUR/USD

    0,9804
    -0,0015 (-0,16%)
     
  • BTC-EUR

    19.779,58
    -209,24 (-1,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,24
    -2,75 (-0,62%)
     
  • HANG SENG

    17.214,71
    +48,84 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    3.640,47
    -78,57 (-2,11%)
     

Covid, matematico Roccetti: "Infezioni almeno 5-10 volte superiori a dato ufficiale"

(Adnkronos) - "Per stimare il vero numero dei contagi da Covid-19 un modo ci sarebbe: basterebbe prendere come campione 6 o 7 località italiane dove in questo periodo si concentra la popolazione e fare analisi microbiologiche delle acque reflue. Il virus lo si risconterebbe in tali campioni in misura presumibilmente maggiore di quanto i numeri ufficiali dicono". Così il matematico Marco Roccetti, ordinario di Scienza dei dati all'Università di Bologna, commenta all'Adnkronos l'aumento di morti registrato in quest'ultima ondata mentre i contagi diminuiscono.

Secondo il matematico "il primo errore è stato aver creduto e fatto credere che non si sarebbe mai presentato un picco estivo e che dunque ogni precauzione (incluse mascherine e distanziamento) fosse inutile; il secondo errore, quasi altrettanto grave, è considerare il numero delle infezioni 'ufficiali' come una fotografia della realtà. Il numero di coloro che si contagia giornalmente - spiega - è enormemente più grande, solo che a differenza dei periodi autunnali o invernali in cui ogni contagio, se ufficialmente dichiarato, corrisponde a 'malattia' con esenzione dal lavoro e simili, un contagio durante il periodo delle vacanze può divenire un ostacolo a intraprenderle o a proseguirle e quindi, se i sintomi sono lievi, quel contagio non verrà mai considerato nelle statistiche ufficiali".

"A meno che Omicron non abbia cambiato le sue caratteristiche (ed è da escludere), il numero protratto dei decessi ci dice che esso corrisponde a una quantità di infezioni almeno 5-10 volte superiore a quella ufficiale, secondo i miei modelli nell’ordine dei 200/300 mila giornalieri da settimane", sottolinea Roccetti, a giudizio del quale "non provare a spiegare correttamente il fenomeno, oltre a impedire di usare ora misure mitigative adeguate, implica anche il fatto che verrà sottostimata la quantità di virus già circolante a settembre con conseguenze che possiamo facilmente immaginare".