Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.483,40
    -347,60 (-1,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Covid meno grave? Svelato il segreto

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

I sintomi di Covid-19 sono più pesanti negli uomini? Il segreto potrebbe celarsi negli ormoni femminili, che fornirebbero una protezione in più alle donne, specie a quelle in gravidanza. Lo suggerisce uno studio dell'Università dell'Illinois a Chicago firmato dal team dell'italiano Graziano Pinna e pubblicato su 'Trends in Endocrinology and Metabolism'. Lo studio "Sesso e Covid-19: un ruolo protettivo per gli ormoni steroidei riproduttivi", analizza la ricerca esistente per esaminare le ragioni per cui la gravità dei sintomi di Covid-19 è più frequente negli uomini, e punta i riflettori sull'effetto di estrogeni e progesterone.

Gli ormoni riproduttivi femminili, gli estrogeni, il progesterone e il suo metabolita fisiologicamente attivo, l'allopregnanolone, forniscono funzioni antinfiammatorie, rimodellano la competenza delle cellule immunitarie, stimolano la produzione di anticorpi, promuovono la riparazione delle cellule epiteliali respiratorie e inibiscono il recettore Ace2, la porta di accesso sfruttata dal nuovo coronavirus per infettare l'organismo. Ebbene, secondo il report questi ormoni possono proteggere dai sintomi di Covid-19. Lo studio è pubblicato su 'Trends in Endocrinology and Metabolism'.

Pinna si è interessata al ruolo degli ormoni steroidei in Covid-19 a marzo, quando i primi casi clinici hanno mostrato donne incinte positive che non avevano sintomi, ma li presentavano intensificati - e abbastanza gravi da richiedere cure intensive - immediatamente dopo il parto. La gravità dei sintomi ha coinciso con un rapido calo di estradiolo, progesterone e allopregnanolone.

"Gli ormoni che aiutano a portare avanti la gravidanza, come il progesterone, sono 100 volte più concentrati nel terzo trimestre. Estradiolo, allopregnanolone e progesterone hanno tutti importanti funzioni antinfiammatorie e sono coinvolti nel sistema immunitario. Ciò suggerisce che le donne in gravidanza sono diventate sintomatiche" dopo il parto, e in alcuni casi "ricoverate in terapia intensiva, proprio a causa del rapido calo di questi ormoni ", ha detto Pinna. "La correlazione è stata davvero sorprendente".

"Le donne incinte hanno 15 volte meno probabilità di morire di Covid rispetto alle altre", ha aggiunto Pinna. "Questa osservazione sulle donne in gravidanza fornisce un background scientifico significativo, non solo sul motivo per cui le donne sono più protette degli uomini, ma anche sul motivo per cui le persone anziane sono meno protette rispetto ai giovani: sappiamo infatti che con l'invecchiamento gli ormoni si riducono", conclude Pinna.