Italia markets open in 36 minutes
  • Dow Jones

    34.764,82
    +506,50 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    15.052,24
    +155,40 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    30.248,81
    +609,41 (+2,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1740
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    37.850,68
    +209,52 (+0,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.110,64
    +1,72 (+0,15%)
     
  • HANG SENG

    24.484,48
    -26,50 (-0,11%)
     
  • S&P 500

    4.448,98
    +53,34 (+1,21%)
     

Covid mette in crisi il comparto non food: nel 2020 calo del 9,5%

·4 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 9 set. (askanews) - Il Covid nel 2020 ha imposto una pesante battuta d'arresto al comparto del non-food: con 93,5 miliardi di euro di vendite, il calo è stato del 9,5% rispetto all'anno prima. Un risultato che ha interrotto bruscamente l'andamento positivo, seppure lento, degli anni precedenti e il trend crescente di medio periodo, che, fino al 2019, aveva rispecchiato un clima di fiducia titubante, ma comunque positivo. A scattare la foto è l'Osservatorio non food di GS1 Italy che analizza 13 comparti.

"Il 2020 è stato un anno caratterizzato dal protrarsi dell'emergenza legata al Coronavirus, che, attraverso chiusure forzate e timori sanitari, ha modificato molte abitudini di consumo soprattutto per i prodotti non alimentari - ha spiegato Marco Cuppini, research and communication director di GS1 Italy - Il non food ha subito un forte rallentamento in quasi tutti i comparti, ma alcune famiglie di prodotti hanno visto un'accelerazione delle vendite, altri una reale rinascita. Anche le modalità di acquisto sono cambiate. L'e-commerce è diventato il canale preferenziale, benché i negozi fisici siano rimasti un punto di riferimento insostituibile per molte tipologie di prodotti non alimentari. Alla luce di quanto accaduto nel 2020, qualcosa andrà ripensato nel grande mondo del non food, perché la realtà mutata con cui il consumatore ha dovuto fare i conti durante la pandemia ha lasciato una traccia profonda, spesso arricchita anche da una nota di soddisfazione, esperienziale e personale, nel confrontarsi con le nuove tecnologie digitali".

Andando a guardare nel dettaglio i 13 comparti, si osserva che nel 2020 il fenomeno dell'"upgrading" tecnologico domestico si è fermato e la rinuncia agli acquisti ha accomunato 11 dei 13 comparti merceologici rilevati nell'Osservatorio non food. Gli unici due ad aver chiuso il 2020 con una crescita delle vendite sono stati l'edutainment (il settore che raccoglie tutti i prodotti destinati alla formazione e all'intrattenimento, come film, libri, videogiochi e supporti musicali, avanzato di +9,4% sul 2019, e l'elettronica di consumo (che raccoglie telefonia, hardware, elettrodomestici, fotografia, multimedia storage) che ha ottenuto un +6,3% rispetto all'anno precedente.

Tra gli 11 comparti merceologici in calo annuo, la forbice della riduzione delle vendite è stata piuttosto ampia, spesso a due cifre, con valori che vanno dal -2% dei prodotti di automedicazione al -17,5% degli articoli per lo sport. Il crollo più pesante del 2020 è stato quello di abbigliamento e calzature: non solo perché ha avuto il maggior calo percentuale degli acquisti (-26,5%) di tutto il non food, ma anche perché ha perso il maggior incasso in termini assoluti, vista la sua leadership storica per giro d'affari. Nel 2020 l'elettronica di consumo ha superato il mondo dell'abbigliamento e calzature diventando il comparto più importante nel non food per valore delle vendite.

Il Covid ha imposto anche una riconfigurazione della rete di vendita: a fine 2020 la distribuzione moderna non alimentare contava in Italia 29 mila punti vendita appartenenti a poco meno di 300 gruppi (specializzati e despecializzati) presenti in 20 differenti comparti merceologici. L'Osservatorio non food li ha raccolti in sei tipologie di agglomerati commerciali, di cui cinque hanno chiuso l'anno con una rete vendita in calo: agglomerati centrali urbani, centri commerciali, parchi commerciali, aree urbane periferiche, nei luoghi di passaggio e di traffico (come stazioni e aeroporti). Unico agglomerato ad aver chiuso il 2020 con un aumento del numero dei negozi sono i Factory Outlet (+0,7%).

Nel 2020 l'e-commerce ha avuto un balzo importante, avvicinando anche molti consumatori tradizionali che non avevano mai usato il canale virtuale. Le vendite via web sono risultate in crescita, sia per giro d'affari che per quota di mercato, in 12 dei 13 comparti analizzati dall'Osservatorio non food (unica eccezione i prodotti per la fotografia). Il risultato più eclatante è stato quello nell'elettronica di consumo dove l'e-commerce è stato il canale di vendita a maggior crescita annua in termini di fatturato (+55,5%) e di market share (26%). L'altro fenomeno commerciale del non food nel 2020 è stata la forte crescita delle forme di distribuzione alternativa: le vendite a domicilio o per corrispondenza e di quelle realizzate nei distributori automatici e nell'e-commerce sono aumentate a valore del 13,9% rispetto al 2019.

Col 50% dei consumatori che dice di aver cambiato permanentemente le proprie abitudini di spesa in seguito alla pandemia, a beneficiarne è stato il commercio di prossimità e l'e-commerce. I lockdown hanno fortemente penalizzato i centri commerciali, ora chiamati a riposizionarsi come luoghi di ristoro ed entertainment e non solo di shopping. La ricerca di comodità e convenienza, che restano driver importanti nel non food, uniti alla ricerca di una qualità accessibile, gioca a favore dei factory outlet e dei parchi commerciali. Così come il perdurare dello smart working, con la maggior presenza dei consumatori nei centri minori e nelle periferie urbane, può rappresentare un'occasione di rilancio per le polarità commerciali extraurbane.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli