Italia markets open in 8 hours 19 minutes
  • Dow Jones

    29.823,92
    +185,32 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    12.355,11
    +156,41 (+1,28%)
     
  • Nikkei 225

    26.787,54
    +353,94 (+1,34%)
     
  • EUR/USD

    1,2076
    +0,0141 (+1,18%)
     
  • BTC-EUR

    15.613,51
    -637,50 (-3,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    371,42
    -8,44 (-2,22%)
     
  • HANG SENG

    26.567,68
    +226,19 (+0,86%)
     
  • S&P 500

    3.662,45
    +40,82 (+1,13%)
     

Covid, Michel: "Non doveva andare così"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Con la pandemia di Covid-19 in Europa le cose "non dovevano andare così", con la seconda ondata che impone nuove chiusure e limitazioni in tutto il Continente. Lo scrive il presidente del Consiglio europeo , in un messaggio scritto diffuso attraverso i social network.

"Quando nella tarda primavera - continua Michel - siamo riusciti a rallentare drasticamente la velocità diffusione della Covid-19, la priorità è diventata la ripresa della vita economica, sociale e culturale. Questa scelta doveva essere sostenuta da una robusta politica di test e tracciamenti", anche perché, in assenza di un vaccino "l'unico modo per contenere l'epidemia mantenendo l'attività è identificare le persone infette molto presto, in modo che possano autoisolarsi ed evitare di contagiarne altre". "A livello europeo - continua Michel - questo piano di azione non ha raggiunto i risultati desiderati. Con la ripresa delle attività quotidiane, il virus ha ricominciato a circolare".

Per Michel, "le speranze nell'imminenza del vaccino", che ancora non c'è, da una parte, e "il focus sulle misure in sostegno all'economia", dall'altra, spiegano "gli insufficienti progressi" nei piani di testing, tracciamento dei contatti e isolamento dei positivi.

"La seconda ondata della Covid-19 è arrivata. Ancora una volta, l'intera Europa è colpita. Nel giro di poche settimane, la situazione è diventata, da preoccupante, allarmante. Ora dobbiamo evitare una tragedia", scrive ancora.

"Ogni giorno conta. Quello che serve ora è un'azione determinata, a un livello inequivocabilmente europeo, basato su due pilastri: test e tracciamento dei contatti, vaccini", sottolinea Michel.