Italia markets open in 7 hours 17 minutes
  • Dow Jones

    29.591,27
    +327,79 (+1,12%)
     
  • Nasdaq

    11.880,63
    +25,66 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.065,74
    +538,37 (+2,11%)
     
  • EUR/USD

    1,1844
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    15.418,92
    -25,32 (-0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    363,91
    +2,49 (+0,69%)
     
  • HANG SENG

    26.486,20
    +34,66 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.577,59
    +20,05 (+0,56%)
     

Covid, morta Lea Vergine un giorno dopo il marito Enzo Mari

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Dopo il grande designer Enzo Mari è morta anche la moglie, curatrice e critica d'arte Lea Vergine. I coniugi se ne sono andati a un giorno di distanza l'uno dall'altro. Entrambi erano ricoverati all'ospedale San Raffaele di Milano per le complicazioni da coronavirus. Mari si è spento all'età di 88 anni nella mattina di lunedì 19 ottobre, mentre la moglie all'età di 82 anni è deceduta oggi.

Lea Vergine, all'anagrafe Lea Buoncristiano, era nata a Napoli il 5 marzo 1936. Si era trasferita a Milano e dopo anni di convivenza aveva sposato il designer Enzo Mari: dalla loro unione è nata la figlia Meta.

Studiosa dei nuovi linguaggi visivi, nel saggio "Il corpo come linguaggio" (Prearo Editore, 1974) Lea Vergine ha analizzato la nascita e l'evoluzione della Body Art, imponendosi come una delle principali studiose delle avanguardie delle azioni performative. Ha posto in rilievo (in "L'altra metà dell'avanguardia 1910-1940. Pittrici e scultrici nei movimenti delle avanguardie storiche", Mazzotta, 1980) la funzione delle donne nei fenomeni artistici della prima metà del XX secolo, apportando un contributo fondamentale sia nell'approccio critico sia nella rivalutazione dell'opera artistica femminile.