Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.221,45
    -521,37 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.349,78
    -52,08 (-0,39%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2171
    +0,0037 (+0,30%)
     
  • BTC-EUR

    46.010,50
    -1.894,11 (-3,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.500,96
    +1.258,28 (+518,49%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • S&P 500

    4.144,59
    -43,84 (-1,05%)
     

'Covid perde forza, cariche virali sempre più basse'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Effetto primavera su Covid-19. "Stiamo rivedendo quello che è successo lo scorso anno, e cioè che con l'arrivo della bella stagione il virus perde forza". Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv), descrive all'Adnkronos Salute "il fenomeno al quale stiamo assistendo da una settimana a questa parte", tanto da poterlo considerare "un trend consolidato: assistiamo alla presenza di campioni positivi" a Sars-CoV-2 "sempre in minor misura - riferisce l'esperto - con cariche virali estremamente basse, a tal punto che è diventato difficile poter isolare il virus da un paziente positivo e sequenziarne il genoma. Questo autorizza a pensare che la famosa stagionalità del virus stia iniziando" e che "anche la variante inglese, ormai prevalente in Italia con percentuali al 95%", soffra il caldo esattamente come il coronavirus originario.

Caruso, ordinario di microbiologia e microbiologia clinica all'università degli Studi di Brescia e direttore del Laboratorio di microbiologia dell'Asst Spedali Civili, prevede un futuro "più roseo" supportato dall'evidenza quotidiana. "Quello che vediamo analizzando campioni che sono tanti, migliaia ogni giorno, e quindi ci permettono in una settimana di avere un quadro importante - precisa il numero uno dei virologi italiani - è quasi una scomparsa delle cariche virali elevate. Quasi tutti" i contagiati "arrivano a essere debolmente positivi", riporta Caruso, evidenziando che "in queste condizioni un soggetto è anche estremamente meno infettante".

La bella notizia in una già buona è che "questo è vero anche per la variante inglese - osserva lo specialista - Il che vuol dire che anche le varianti non fanno eccezione alla stagionalità" dei virus respiratori, qual è Sars-CoV-2 in tutte le sue 'versioni'.