Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.853,19
    -193,05 (-0,64%)
     
  • Nasdaq

    12.065,27
    +28,48 (+0,24%)
     
  • Nikkei 225

    26.296,86
    +131,27 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1913
    +0,0017 (+0,14%)
     
  • BTC-EUR

    15.952,22
    -241,30 (-1,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    377,28
    +6,77 (+1,83%)
     
  • HANG SENG

    26.669,75
    +81,55 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    3.625,71
    -9,70 (-0,27%)
     

Covid, "Pronto soccorso in crisi, servizi a rischio"

webinfo@adnkronos.com
·3 minuto per la lettura

"L’emergenza Covid ha sovraccaricato" i Pronto Soccorso italiani "mettendoli ulteriormente in crisi". "Il personale, numericamente già carente prima dello scoppio della pandemia, si trova a trattare un elevato numero di sintomatici da coronavirus che, spesso spaventati, fanno riferimento ai Pronto Soccorso non trovando altre risposte all’esterno e che si sommano al carico quotidiano di pazienti di altra patologia". Queste difficoltà "non possono che mettere a rischio la qualità del servizio, a prescindere dalla dedizione di chi ci lavora". La Società italiana della medicina di emergenza-urgenza (Simeu) torna a lanciare l'allarme, per bocca del suo presidente Salvatore Manca.

E si fa portavoce dell’appello di medici e infermieri dei Pronto Soccorso d’Italia, in prima linea nell’attuale crisi sanitaria, per essere ascoltati dai decisori, dai tavoli tecnici, dalla politica, al fine di trovare e applicare soluzioni concrete ed efficaci. Il Pronto Soccorso - ricorda una nota - è una struttura chiamata a riconoscere, gestire, ordinare dare risposte rapide e concrete a un’enorme casistica di pazienti e lo fa - a differenza di tutti gli altri dipartimenti - 24 ore al giorno 365 giorni l’anno.

"Il Pronto Soccorso - spiega Manca - non è un centro smistamento pazienti, come spesso si crede, ma il primo reparto dell’ospedale schiacciato tra le problematiche della medicina del territorio e quella specialistica dell’ospedale. Ai pazienti del Ps vengono eseguite analisi, diagnosi e anche tutti i trattamenti, sino alla risoluzione del caso e alla dimissione". Invece oggi "si trova a trattare un elevato numero di sintomatici da coronavirus".

Inoltre "dal punto di vista architettonico - denuncia - le aree dei Pronto Soccorso, soprattutto quelle degli ospedali più vecchi e di alcune Regioni, sono state progettate rispetto a necessità che non sono più attuali, risulta quindi difficile organizzare gli spazi in modo funzionale e in sicurezza per pazienti e famigliari".

E ancora: "Nella pandemia gli emergentisti si trovano a dare risposte e supporto sia alla medicina del territorio, che purtroppo non è stata adeguatamente attrezzata e organizzata e si trova in un evidente affanno, sia ai reparti interni dell’ospedale con le loro carenze di letti e/o attrezzature". È di oggi la notizia che se il reparto Covid è al completo, i pazienti in attesa di un posto letto stazionano in Ps, in quella che in gergo viene chiamata 'zona grigia', e qui vengono curati e trattati in continuità, fino al ricovero, causando un carico di lavoro aggiuntivo. Questa condizione non ottimale allunga le attese per i pazienti e aumenta lo stress del personale già molto provato.

Le carenze operative, logistiche, strutturali e di personale nei Ps - prosegue la Simeu - d’altronde era stata denunciata molte volte negli anni passati, sempre rimasta inascoltata al punto che nessun professionista dell’emergenza urgenza è stato mai chiamato ai tavoli di lavoro delle commissioni tecniche. Fatto molto grave, perché non si dà ascolto a chi può portare l’esperienza dalla prima linea, traducendola in proposte concrete ed efficaci. Le difficoltà amplificate non possono che mettere a rischio la qualità del servizio, a prescindere dalla dedizione di chi ci lavora, concludono i medici dell'emergenza.