Italia markets close in 7 hours 12 minutes
  • FTSE MIB

    21.385,74
    +31,09 (+0,15%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,86 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,14 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    26.153,81
    +218,19 (+0,84%)
     
  • Petrolio

    108,00
    -0,43 (-0,40%)
     
  • BTC-EUR

    18.347,83
    -91,80 (-0,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    412,93
    -7,21 (-1,72%)
     
  • Oro

    1.808,60
    +7,10 (+0,39%)
     
  • EUR/USD

    1,0428
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.828,08
    -31,71 (-0,15%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.455,52
    +7,21 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8609
    -0,0012 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0006
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,3413
    -0,0021 (-0,16%)
     

Covid, prosegue miglioramento di tutti gli indicatori in Italia - Iss

L'unità di Terapia intensiva dell'Ospedale San Raffaele di Milano

MILANO (Reuters) - Continua anche questa settimana il calo di tutti i dati che fotografano lo stato dell'epidemia di Covid in Italia.

Lo si evince dai numeri della settimana dal 20 al 26 maggio alla valutazione della cabina di regia che prepara il monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità-ministero della Salute.

L'incidenza settimanale scende a 261 casi ogni 100.000 abitanti rispetto ai 375 ogni 100.000 della settimana precedente.

Nel periodo 4-17 maggio 2022, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,86, in diminuzione rispetto alla settimana precedente.

L'Rt è l'indice che dice quanti possono essere contagiati da una sola persona in media e in un certo periodo di tempo.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva scende al 2,6% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 26 maggio) rispetto al 3,1% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 19 maggio).

Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 9% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 26 maggio) rispetto al 10,9% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 19 maggio).

Una regione è classificata a rischio alto in quanto i dati inviati non erano sufficientemente completi per la valutazione, tutte le altre regioni classificate a rischio basso.

La percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è sostanzialmente stabile (13% rispetto al 12% la scorsa settimana). Rimane stabile anche la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (44% in confronto al 45%), come anche la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (44% su 43%).

(Emilio Parodi, editing Sabina Suzzi, mailto:emilio.parodi@thomsonreuters.com; +39 06 8030 7744)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli