Italia markets close in 1 hour 37 minutes
  • FTSE MIB

    22.263,70
    +118,64 (+0,54%)
     
  • Dow Jones

    29.888,12
    -158,12 (-0,53%)
     
  • Nasdaq

    12.063,95
    +27,16 (+0,23%)
     
  • Nikkei 225

    26.296,86
    +131,27 (+0,50%)
     
  • Petrolio

    45,45
    +0,54 (+1,20%)
     
  • BTC-EUR

    16.125,77
    -67,75 (-0,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,69
    +10,17 (+2,75%)
     
  • Oro

    1.814,00
    +9,40 (+0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1915
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • S&P 500

    3.626,18
    -9,23 (-0,25%)
     
  • HANG SENG

    26.669,75
    +81,55 (+0,31%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.503,25
    -4,73 (-0,13%)
     
  • EUR/GBP

    0,8913
    +0,0011 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    1,0832
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5498
    +0,0043 (+0,28%)
     

Covid terapia intensiva, in quali regioni sono state evidenziate criticità

·2 minuto per la lettura
terapia intensiva regioni
terapia intensiva regioni

Lo rivela l’ultimo report settimanale diffuso dall’istituto superiore di sanità e dal ministero della Salute. In Italia le Regioni ad alto rischio a causa di criticità nei reparti di terapia intensiva sono dieci. Tali regioni vengono considerate a rischio in quanto nel mese di novembre potrebbero superare il limite del 30% dei posti in terapia intensiva occupata dai pazienti Covid. Pur essendo aumentati i posti in terapia intensiva, diverse regioni hanno esaurito o quasi i posti in terapia aggiuntivi.

Nel monitoraggio stilato dalla scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica è stato evidenziato che una regione su tutte, l’Abruzzo ha superato di oltre il 150% la disponibilità dei posti in terapia intensiva aggiuntivi. “La pressione sta crescendo e iniziamo a vivere la paura che si possa tornare alla situazione drammatica della prima fase epidemica”, ha dichiarato il presidente dell’associazione degli Anestesisti Alessandro Vergallo.

Terapia intensiva, le regioni a rischio

A causa della crescente curva dei contagi da Coronavirus in tutta Italia, sempre più regioni italiani sono a rischio per via della disponibilità dei posti in terapia intensiva. In particolare l’ultimo report settimanale stilato dal ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità sono 10 le regioni a rischio. Nello specifico si tratta di Campania, Puglia, Sardegna, Toscana, Abruzzo. Liguria, Emilia-Romagna, Umbria, Lombardia e Sardegna.

L’Abruzzo in particolare stando a quanto evidenziato dal report settimanale dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica, ha anche un altro primato. Avrebbe infatti esaurito oltre il 150% dei posti in terapia intensiva disponibili. Altre Regioni invece si stanno avvicinando alla soglia prevista come il Piemonte con l’83% di saturazione dei posti disponibili e le Marche con il 67%.

Le parole di Alessandro Vergallo

A questo proposito il presidente dell’Associazione degli Anestesisti Italiani (Aaroi-Emac) Vergallo ha dichiarato: “In questi dieci Regioni la tenuta delle terapie intensive è particolarmente a rischio, poiché ci si sta avvicinando alla soglia massima fissata dal ministero della Salute del 30% di posti dedicati a malati Covid occupati; tuttavia, ci troviamo in una situazione di allerta in tutte le Regioni perché si rischia, nel breve termine, una saturazione dei posti Covid se il trend dei contagi non si modificherà”