Italia markets open in 1 hour 51 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.403,49
    -260,01 (-0,88%)
     
  • EUR/USD

    1,2028
    -0,0032 (-0,26%)
     
  • BTC-EUR

    40.418,07
    +1.514,45 (+3,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    974,65
    -12,00 (-1,22%)
     
  • HANG SENG

    29.036,19
    -416,38 (-1,41%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Covid, vaccino J&J efficace al 72% in studio Usa, 66% a livello globale

·2 minuto per la lettura
Una fiala e una siringa davanti al logo di Johnson&Johnson

(Reuters) - Johnson & Johnson ha annunciato che il proprio vaccino a singola dose è efficace al 72% nel prevenire il Covid-19, secondo uno studio effettuato negli Stati Uniti.

Tuttavia, in uno studio globale condotto in tre continenti e su multiple varianti del virus, il vaccino ha registrato un tasso d'efficacia del 66%

In una sperimentazione con circa 44.000 volontari, il livello di protezione contro casi moderati e gravi di Covid-19 si è attestato al 66% in America Latina, e solo al 57% in Sud Africa, dove circola una varietà particolarmente contagiosa del coronavirus.

Questi risultati sono in contrasto con gli alti livelli riportati per i vaccini autorizzati di Pfizer/BioNTech SE e di Moderna, con un tasso d'efficacia intorno al 95% nella prevenzione di contagi sintomatici, registrato in importanti sperimentazioni con due dosi.

Queste sperimentazioni, tuttavia, sono state condotte principalmente negli Stati Uniti e prima della diffusione delle nuove varianti del virus, ora al centro dell'attenzione.

L'obiettivo principale dello studio di J&J era la prevenzione di casi moderati e gravi di Covid-19, e il vaccino è efficace all'85% nel fermare gravi sintomi e nel prevenire la necessità di ricoveri ospedalieri, su base mondiale e contro diverse varianti, 28 giorni dopo l'immunizzazione.

Questo livello di prevenzione "proteggerà potenzialmente centinaia di milioni di persone da esiti gravi o fatali del Covid-19", ha affermato in un comunicato Paul Stoffels, direttore scientifico di J&J.

L'azienda intende richiedere la settimana prossima l'autorizzazione all'uso d'emergenza alla Food and Drug Administration statunitense.

I funzionari della salute pubblica fanno affidamento sul vaccino J&J per aumentare la fornitura di vaccini, in un contesto di carenza di dosi, e per semplificare la campagna di vaccinazione statunitense.

A differenza dei vaccini di Pfizer/BioNTech e di Moderna, il vaccino J&J non richiede una seconda iniezione settimane dopo la prima, e non ha bisogno di essere conservato congelato.

Ciò lo rende un forte candidato per l'uso in parti del mondo con deboli infrastrutture di trasporto e insufficienti capacità di stoccaggio a freddo.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)