Italia markets close in 7 hours 55 minutes
  • FTSE MIB

    25.560,99
    +207,63 (+0,82%)
     
  • Dow Jones

    33.919,84
    -50,63 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    14.746,40
    +32,49 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • Petrolio

    70,51
    -0,05 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    36.067,10
    -761,65 (-2,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.053,72
    -10,12 (-0,95%)
     
  • Oro

    1.779,00
    +0,80 (+0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,1740
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • S&P 500

    4.354,19
    -3,54 (-0,08%)
     
  • HANG SENG

    24.221,54
    +122,40 (+0,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.131,81
    +34,30 (+0,84%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0830
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5002
    -0,0021 (-0,14%)
     

Covid, variante Delta schizza al 94,8% in Italia - Iss

·2 minuto per la lettura
Un ricercatore lavora all'interno di un laboratorio durante lo sviluppo del vaccino italiano ReiThera contro il COVID-19

MILANO (Reuters) - La variante Delta del virus Sars-CoV-2, la cosiddetta "indiana" che preoccupa le autorità mondiali per la sua alta trasmissibilità, è diventata prevalente in Italia salendo al 94,8% dei casi, e sostituisce la Alfa, quella cosiddetta "inglese", che crolla al 3,2%.

Lo rileva la nuova indagine rapida condotta dall'Istituto superiore di sanità nella giornata del 20 luglio, i cui risultati sono stati resi noti oggi.

Nell'ultima indagine di questo genere realizzata dall'istituto lo scorso 22 giugno la Delta era al 22,7%, mentre la Alfa era ancora prevalente col 57,8%.

"La rapida diffusione della variante Delta, ormai predominante, è un dato atteso e coerente con i dati europei, che deve essere monitorato con grande attenzione - ha dichiarato il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro nella nota diffusa dall'istituto - È fondamentale continuare il tracciamento sistematico dei casi per individuare i focolai, e completare il più velocemente possibile il ciclo vaccinale, dal momento che questo garantisce la migliore protezione".

L'Iss precisa che "l'indagine integra le attività di monitoraggio di routine, e non contiene quindi tutti i casi di varianti rilevate ma solo quelle relative alla giornata presa in considerazione".

Hanno partecipato all'indagine le 21 Regioni e province autonome e complessivamente 123 laboratori, e sono stati sequenziati 1.325 campioni.

Dallo studio emerge anche che la variante Gamma, quella che fu individuata la prima volta in Brasile, è scesa all'1,4% dall'11,8% del 22 giugno.

L'istituto segnala infine l'aumento "se pur estremamente contenuto", della variante Beta, la cosiddetta sudafricana, "maggiormente caratterizzata da una parziale immuno-evasione".

"Nell'attuale scenario europeo e nazionale, caratterizzato dalla circolazione di diverse varianti di Sars-CoV-2, è necessario continuare a monitorare con grande attenzione la loro diffusione e, in particolare, di quelle a maggiore trasmissibilità o con mutazioni correlate a potenziale evasione della risposta immunitaria", conclude l'Iss.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli