Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.294,34
    +1.542,68 (+3,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0100 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4751
    +0,0088 (+0,60%)
     

Credem: entro il 2025 compensazione delle emissioni di Co2

Alessandra Caparello
·1 minuto per la lettura

Credem ha avviato un progetto che punta alla massima riduzione delle emissioni prodotte di CO2 e alla compensazione di quelle inevitabili (Carbon Neutrality) entro il 2025. L’istituto ha già ridotto le proprie emissioni di CO2 del 55% negli ultimi 3 anni ed utilizza, sin dal 2003, il 100% dell’energia proveniente da fonti rinnovabili e certificate. Più nello specifico, si legge in una nota, l’obiettivo è intervenire, nel prossimo quadriennio, sulle emissioni prodotte che provengono da tre ambiti diversi: dirette e riconducibili ad attività interne all’organizzazione (tra cui consumo di gas per il riscaldamento degli ambienti e di carburante per la flotta auto aziendale); indirette e riconducibili a consumi energetici interni per utilizzo degli edifici (emissioni risultanti dalla generazione di elettricità acquistata) ed infine altre emissioni indirette provenienti da fonti non di proprietà o non controllate da Credem (tra cui trasferte con mezzi di trasporto pubblici e auto private dei dipendenti e dal consumo di carta).