Italia markets open in 3 hours 11 minutes
  • Dow Jones

    35.754,75
    +35,32 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.786,99
    +100,07 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    28.805,55
    -55,07 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,1339
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    43.867,94
    -883,97 (-1,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.302,57
    -2,54 (-0,19%)
     
  • HANG SENG

    24.210,02
    +213,15 (+0,89%)
     
  • S&P 500

    4.701,21
    +14,46 (+0,31%)
     

Credit Agricole, utile trim3 batte attese, calo ricavi da Cib

·2 minuto per la lettura
Il logo Credit Agricole fuori da un ufficio bancario a Bordeaux

PARIGI (Reuters) - L'utile del terzo trimestre di Credit Agricole SA ha superato le aspettative, grazie a un calo degli accantonamenti per sofferenze legate alla pandemia e alle maggiori entrate nel banking al dettaglio, che hanno compensato i ricavi più deboli delle divisioni di capitali e assicurazioni.

Il secondo più grande istituto di credito quotato in Francia ha registrato un aumento del 43,5% dell'utile netto nel terzo trimestre a 1,40 miliardi di euro, battendo la previsione media di 1,23 miliardi di euro di un sondaggio di analisti Refinitiv.

I ricavi sono aumentati del 7,4% a 5,53 miliardi di euro, al di sopra dei 5,46 miliardi di euro previsti dagli analisti, mentre il costo del rischio, che riflette gli accantonamenti a fronte di sofferenze, è diminuito del 56,1%.

L'amministratore delegato di Credit Agricole, Philippe Brassac, ha confermato che l'istituto di credito è sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi per il 2022, tra cui un utile netto di 5 miliardi di euro.

"Non c'è motivo oggi per cambiare il nostro obiettivo", ha detto Brassac ai giornalisti.

Nel retail banking, i ricavi sono aumentati del 5,1% in Francia e del 32,6% in Italia, dove l'istituto di credito ha acquisito la banca locale Creval all'inizio di quest'anno.

Tuttavia, Credit Agricole è rimasta indietro rispetto alle rivali nel corporate and investment banking (Cib) in quanto è meno esposta al mercato dei derivati azionari e non ha beneficiato del rimbalzo del trading azionario nel trimestre.

I ricavi sono diminuiti del 3,7% nell'attività Cib. Ciò si confronta con l'aumento del 16,1% delle entrate Cib di Societe Generale e l'aumento del 6,4% di Bnp Paribas.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Stefano Bernabei, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli