Italia Markets closed

Cresce l’attenzione ai criteri Esg in Europa

Fabrizio Arnhold
·3 minuto per la lettura
Cresce l’attenzione ai criteri Esg in Europa
Cresce l’attenzione ai criteri Esg in Europa

Per Aberdeen Standard Investments i fattori ambientali, sociali e di governance (Esg) non sono mai stati così importanti come in questo contesto

Le migliori performance si registrano nei Paesi Ue, compreso il Regno Unito. Giappone e Corea del Sud sono le uniche economie asiatiche a comparire nella top 20. Aberdeen Standard Investments, grazie all’utilizzo del suo indice Esg globale proprietario, mette in luce come i fattori ambientali, sociali e di governance (Esg) siano strategici in questo contesto mondiale, scombussolato dalla pandemia.

ITALIA E SPAGNA LE PEGGIORI PER I FATTORI SOCIALI

“Dal grafico si capisce come i livelli di attenzione dal punto di vista politico e di governance sono elevati - commentano Nancy Hardie, Macro Esg Research Analyst, e Yashaswini Dunga, Economist, ASI Research Institute - mentre la performance ambientale è tendenzialmente debole, seppur con margini ridotti e alcune eccezioni”. In fondo alla graduatoria, per quanto riguarda i fattori sociali, troviamo Italia e Spagna, soprattutto a causa del fragile rapporto tra occupazione e popolazione.

POLITICA, GOVERNANCE E INQUINAMENTO

Dal 2011 è stato registrato un deterioramento degli indicatori politici e di governance in tutti i principali mercati investibili. Secondo gli analisti di Aberdeen Standard Investments, questo è dovuto anche all’aumento delle forze populiste. Gli indicatori sociali hanno mostrato il maggiore miglioramento, con l’istruzione in testa nella metà dei Paesi analizzati (come si può vedere nella Tabella 1).

CAMBIAMENTO POSITIVO

Questi mercati emergenti e mercati di frontiera mostrano il maggior cambiamento positivo nella classifica Esg dal 2011 al 2019. “I maggiori miglioramenti sono stati realizzati nella politica e nella governance in tutti i Paesi, a eccezion del Benin”, proseguono gli analisti di Aberdeen Standard Investments. “Questo perché tali Paesi sono partiti da una base molto bassa rispetto ai mercati sviluppati, pertanto presentano il maggior margine di miglioramento”.

I PROGRESSI DELL’ARMENIA

Dall’ultimo grafico si mette in evidenza l’ottimo miglioramento dell’Armenia, dovuto in gran parte ai progressi compiuti in materia di diritto di voto libero ed equo, accesso alla giustizia, libertà di espressione e assenza di corruzione. Dopo il cambio di governo nel 2018, il Paese ha compiuto significativi passi in avanti in ambito politico con cambiamenti strutturali.

INDICE ESG PONDERATO PER LO SVILUPPO

Non tutti i Paesi sono uguali. “Per tenere conto dell’orientamento allo sviluppo nei punteggi e nelle classifiche Esg, abbiamo redatto una versione dell’indice ponderata per i livelli di reddito pro-capite di ogni Paese”, si legge nell’analisi di ASI. “Questo ci permette di assegnare ai Paesi a basso reddito un punteggio adeguato considerando il loro livello di sviluppo economico”. Tra i Paesi più virtuosi, si distinguono Svezia, Finlandia e Danimarca, ma anche alcune nazioni africane come Ruanda, Malawi e Niger (Grafico 3).

L’INDICE DI SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

L’Environmental Performance Index (indice di sostenibilità ambientale EPI) ha cambiato gli indicatori e non ha divulgato i nuovi parametri. Per la sua analisi Aberdeen Standard Investments, quindi, ha utilizzato una media degli indicatori normalizzati del PM 2,5, dei combustibili solidi domestici e dell’inquinamento da ozono.