Italia markets close in 4 hours 3 minutes
  • FTSE MIB

    25.234,59
    +148,04 (+0,59%)
     
  • Dow Jones

    35.058,52
    -85,79 (-0,24%)
     
  • Nasdaq

    14.660,58
    -180,14 (-1,21%)
     
  • Nikkei 225

    27.581,66
    -388,56 (-1,39%)
     
  • Petrolio

    71,80
    +0,15 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    34.233,16
    +2.110,14 (+6,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    946,01
    +69,78 (+7,96%)
     
  • Oro

    1.797,50
    -2,30 (-0,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1808
    -0,0018 (-0,15%)
     
  • S&P 500

    4.401,46
    -20,84 (-0,47%)
     
  • HANG SENG

    25.473,88
    +387,45 (+1,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.088,46
    +23,63 (+0,58%)
     
  • EUR/GBP

    0,8510
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,0799
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4840
    -0,0051 (-0,35%)
     

Crisi Covid: il Nord l’area più colpita, Pil sceso del 9,1%. Commercio e trasporti tra i settori più penalizzati

·1 minuto per la lettura

Nel 2020 la crisi del Covid ha colpito più le aree del Nord-ovest e del Nord-est, dove il Prodotto interno lordo è diminuito in volume del 9,1% contro una media nazionale dell'8,9%. La contrazione è stata meno accentuata al Centro (-8,8%) mentre il Sud ha subito la perdita più contenuta (-8,4%). E' ciò che ha rilevato l'Istat nella sua ultima ricerca su Pil e occupazione nel 2020, diffuso oggi. Secondo l'indagine, il settore più penalizzato dall’emergenza sanitaria è stato quello del Commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni che al Nord-est e nel Mezzogiorno ha perso il 14,5% del valore aggiunto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli