Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.812,94
    -186,10 (-0,55%)
     
  • Nasdaq

    12.739,54
    -225,80 (-1,74%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,77 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    91,43
    +0,93 (+1,03%)
     
  • BTC-EUR

    21.538,01
    -1.836,30 (-7,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    513,79
    -27,81 (-5,13%)
     
  • Oro

    1.764,00
    -7,20 (-0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,0040
    -0,0052 (-0,51%)
     
  • S&P 500

    4.241,19
    -42,55 (-0,99%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8487
    +0,0034 (+0,40%)
     
  • EUR/CHF

    0,9629
    -0,0019 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,3031
    -0,0029 (-0,23%)
     

Crisi di governo, la pessima reazione dei mercati

(Adnkronos) - Era prevedibile ma non in queste proporzioni e con questa velocità. La pessima reazione dei mercati al delinearsi della crisi di governo si concretizza in un calo brusco di Piazza Affari, -3,44% e maglia nera in Europa, e in una fiammata dello spread, che chiude a 223 punti dopo essere salito fino a 228 punti.

Per capire quanto le notizie che hanno scandito la giornata abbiano condizionato gli umori delle sale operative, è utile ricostruirne le tappe principali. A partire dal momento più difficile. Quando il presidente del Consiglio, Mario Draghi, è salito al Quirinale per parlare con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il Ftse Mib è sceso ai minimi di giornata, in calo di 4 punti percentuali. Intanto, lo spread tra Btp e Bund decennale, arrivato a un massimo di 228 punti, è sceso durante il colloquio. Come se la scommessa sulla tenuta in extremis del governo fosse ancora in piedi, sull'asse tra Quirinale e Palazzo Chigi.

Tutto questo, nel giorno in cui la Commissione Ue ha abbassato le stime per la zona euro, indicando l'Italia quale fanalino di coda: crescerà appena dello 0,9% nel 2023, rispetto all'1,9% previsto in maggio, con il dato peggiore tra i paesi membri dell'area.

Gli sviluppi di una crisi tutta politica si intrecciano con le previsioni economiche, in continuo peggioramento a causa del protrarsi della guerra e soprattutto dell'ipotesi sempre più concreta che Putin possa definitivamente chiudere i rubinetti del gas, e con le ripercussioni finanziarie.

Un Paese con il debito e con i precedenti dell'Italia, pesano sempre i ricordi legati alla crisi del 2011, finisce rapidamente nel mirino della speculazione ogni volta che l'incertezza prende il sopravvento sulla capacità di garantire stabilità. L'ipotesi che Mario Draghi possa non essere più premier va oltre un qualsiasi avvicendamento a Palazzo Chigi. L'ex presidente della Bce è considerato una garanzia dai mercati internazionali, anche per sua comprovata capacità di far valere il peso dell'Italia sui tavoli internazionali. Il timore che immediatamente si diffonde, anche oltre le oggettive difficoltà che si possono prospettare, è che un equilibrio precario possa facilmente rompersi.

Saranno gli sviluppi delle prossime ore a indirizzare il comportamento dei mercati. L'apertura formale della crisi potrebbe innescare una reazione a catena e 'bruciare' milioni in capitalizzazione, con una contestuale corsa dello spread. D'altra parte, un chiarimento del quadro, se si aprisse uno scenario di minore incertezza, potrebbe raffreddare la tensione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli