Italia markets open in 7 hours 4 minutes

Crisi di governo? I mercati non credono al teatrino, Borsa e spread tranquilli

Crisi di governo? I mercati non credono al teatrino, Borsa e spread tranquilli

Le minacce di una crisi da parte di Italia Viva, il partito dell’ex premier Matteo Renzi, non sembrano spaventare i mercati: la Borsa di Milano apre in rialzo e lo spread avanza solo di un punto percentuale

Il rischio di una crisi di governo non spaventa i mercati: la Borsa di Milano apre in rialzo, con l’indice Ftse Mib che avanza dello 0,2% a 24.942 punti. Neanche lo spread sembra risentire delle tensioni politiche: in apertura di contrattazioni il differenziale di rendimento tra Btp e Bund segna 130 punti, contro i 129 della chiusura di giovedì. Il rendimento del decennale è pari allo 0,91%.

LODO CONTE BIS

Ieri il governo ha approvato la contestata riforma della prescrizione con il cosiddetto “lodo Conte bis”, che modifica alcune parti della norma. Con il lodo, infatti, si distingue tra condannati e assolti: per i primi resta lo stop alla decorrenza dei termini della sentenza di primo gtado, ma in caso di assoluzione in appello si potranno recuperare i termini di prescrizione rimasti nel frattempo bloccati.

TENSIONI NELLA MAGGIORANZA

Ieri il partito dell’ex premier Matteo Renzi aveva fatto sapere che avrebbe disertato la riunione del governo, minacciando una crisi se la riforma fosse stata approvata e sfidando il premier Conte a trovare una nuova maggioranza.

Crescita: l’Italia resta fanalino di coda dell’Ue

Crescita: l’Italia resta fanalino di coda dell’Ue


I MERCATI NON VEDONO IL RISCHIO

A quanto pare, però, i mercati non percepiscono un concreto rischio politico, mentre per quanto riguarda lo spread le buone notizie arrivano dall’emergenza legata alla diffusione del coronavirus, che ha giocato a favore di tutto il reddito fisso.

PIAZZE EUROPEE SULLA PARITÀ

Le Borse europee hanno aperto in ordine sparso, generalmente sulla parità: a pesare, oltre alla paura per la diffusione del coronavirus, i dati sul Pil della Germania, che nel quarto trimestre ristagna. Piatte in avvio Francoforte (+0,08%), Parigi (+0,05%), Londra (+0,01%) e Madrid (-0,01%).