Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.766,66
    -232,38 (-0,68%)
     
  • Nasdaq

    12.717,06
    -248,29 (-1,91%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,77 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    91,53
    +1,03 (+1,14%)
     
  • BTC-EUR

    21.446,33
    -1.977,08 (-8,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    511,28
    -30,32 (-5,60%)
     
  • Oro

    1.762,60
    -8,60 (-0,49%)
     
  • EUR/USD

    1,0040
    -0,0052 (-0,51%)
     
  • S&P 500

    4.234,53
    -49,21 (-1,15%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8490
    +0,0036 (+0,43%)
     
  • EUR/CHF

    0,9628
    -0,0021 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,3036
    -0,0025 (-0,19%)
     

Crisi Governo, Fitch: "Per Italia periodo incerto anche se Draghi resta"

(Adnkronos) - La crisi di governo innescata dalla "dimissioni di Mario Draghi da Presidente del Consiglio a seguito di una spaccatura nel suo governo di unità nazionale preludono a una maggiore incertezza politica anche se venissero evitate le elezioni anticipate". Lo sottolinea l'agenzia Fitch in una nota, spiegando che "qualunque cosa accada, l'Italia è destinata ad entrare in un periodo politicamente incerto dopo quasi 18 mesi di relativa stabilità e l'attuazione di alcune riforme".

"Anche se Draghi dovessere rimanere, ci aspettiamo che i partiti che lo sostengono cercheranno maggiore visibilità con l'avvicinarsi delle elezioni, amplificando le tensioni esistenti" sottolinea l'analisi. In particolare, Fitch prevede "pressioni per un maggiore allentamento fiscale nella prossima legge di bilancio". Peraltro - ricorda l'agenzia - elezioni anticipate non solo "renderebbero estremamente stretti i tempi per l'approvazione della legge di bilancio" ma "potrebbero anche rendere più difficile per l'Italia raggiungere gli obiettivi per la prossima erogazione di fondi NextGenerationEU a dicembre, o indebolire la capacità delle autorità di dispiegare i fondi già ricevuti".

Fitch prevede per il 2022 un disavanzo maggiore rispetto a quello stimato dal governo (5,9% del PIL contro 5,6%) per via di un maggiore sostegno ai prezzi energetico e una maggiore spesa per interessi sui titoli legati all'inflazione. Per il 2023 "ci aspettiamo una modesta riduzione del disavanzo al 4,5% del PIL (il governo prevede il 3,9%), riflettendo in parte le pressioni fiscali pre-elettorali". "Le implicazioni di breve termine per la politica economica e di bilancio dipendono dagli esiti politici, ma è probabile che le riforme strutturali e il risanamento di bilancio diventino più impegnativi" conclude l'agenzia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli