Crisi, Istat: Il 28,4% degli italiani è a rischio povertà

Roma, 10 dic. (LaPresse) - Più di un quarto degli italiani rischia di cadere nella povertà. Lo rileva l'Istat, che sottolinea che nel 2011 il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale. L'indicatore deriva dalla combinazione dei redditi 2010, della severa deprivazione materiale e della bassa intensità di lavoro ed è definito come la quota di popolazione che sperimenta almeno una delle suddette condizioni. Rispetto al 2010 l'indicatore cresce di 2,6 punti percentuali a causa dall'aumento della quota di persone a rischio di povertà (dal 18,2% al 19,6%) e di quelle che soffrono di severa deprivazione (dal 6,9% all'11,1%). Dopo l'aumento osservato tra il 2009 e il 2010, sostanzialmente stabile (10,5%) è la quota di persone che vivono in famiglie a bassa intensità di lavoro. Il rischio di povertà o esclusione sociale è più elevato rispetto a quello medio europeo (24,2%), soprattutto per la componente della severa deprivazione (11,1% contro una media dell'8,8%) e del rischio di povertà (19,6% contro 16,9%).

Azioni in evidenza

  • Riflettori su Piazza Affari
    Riflettori su Piazza Affari
    NomePrezzoVar.% Var.
    0,000,00%
    FNC.MI
    2,69-0,04-1,47%
    UCG.MI
    2,47+0,01+0,49%
    ISP.MI
    15,080,000,00%
    BMPS.MI
    0,846+0,006+0,71%
    TIT.MI
    15,55+0,04+0,26%
    ENI.MI
    4,14+0,01+0,24%
    ENEL.MI
    4,268-0,008-0,19%
    MS.MI
    0,000,00%
    F.MI

Titoli caldi

  •  
    Ultime quotazioni consultate
    Nome Prezzo Variazione Var. %Grafico 
    I codici visualizzati più di recente compaiono automaticamente in questo spazio usando questo campo ricerca:
    È necessario abilitare i cookie del browser per visualizzare le ultime quotazioni.
  • Notizie sulle quotazioni recenti

    •  
      Accedi per visualizzare le quotazioni nei tuoi portafogli.