Crisi: Juncker, serve salario minimo in tutta l'Eurozona

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
BCE.TO48,530,14

+++Il presidente dell'Eurogruppo evoca Marxe e ammette: ''disoccupazione sottovalutata''. La Bce lascia i tassi invariati+++. (ASCA) - Bruxelles, 10 gen - Vanno definiti salari minimi in tutti i paesi della zona euro, e provvedere a colmare ''l'elemento carente'' dell'unione economica e monetaria, ''vale a dire la dimensione sociale''. Lo afferma il presidente dell'Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, in audizione in commissione Problemi economici del Parlamento europeo. ''Serve un impianto chiaro e ineludibile di diritti sociali per i lavoratori, una sorta di 'zoccolo duro' dei diritti dei lavoratori'', sostiene Juncker. Occorre, piu' precisamente, rispondere ''alle rivendicazioni essenziali di salario minimo legale in tutta l'area dell'eurozona''. Altrimenti, avverte Juncker, ''rischiamo di perdere la nostra credibilita' e, per dirla alla Marx, il sostegno della classe operaia''. Juncker non ha nascosto che il dramma dei senza lavoro e' stato sottovalutato ''Credo che stiamo sottovalutando il problema della disoccupazione, che ci schiaccia''. Intanto, la Bce (Toronto: BCE.TO - notizie) ha lasciato i tassi di interesse invariati. Quello di politica monetaria resta allo 0,75%, quello sui depositi a zero e quello sui prestiti marginali all'1,50%.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.675,75 -1,18% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.175,97 0,74% 17:50 CEST
Ftse 100 6.674,74 0,11% 17:35 CEST
Dax 9.544,19 0,58% 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,08% 22:30 CEST
Nikkei 225 14.546,27 +1,09%  

Ultime notizie dai mercati