Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.789,30
    +1.361,73 (+3,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Crisi latte, aziende venete a rischio chiusura: riparta tavolo

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 ott. (askanews) - "Riparta il tavolo di emergenza sul latte o a fine anno molti allevamenti chiuderanno i battenti". È l'appello lanciato da Confagricoltura Veneto dopo che si sono interrotte le trattative con tutti gli attori della filiera, mirate a definire un intervento straordinario a tutela degli allevatori alla luce dei rincari dell'energia e dei costi di produzione.

"Sollecitiamo l'assessore regionale all'agricoltura, Federico Caner, a fare pressing come coordinatore nella conferenza Stato Regioni affinché le trattative ripartano", sottolinea Fabio Curto, presidente del settore lattiero-caseario di Confagricoltura Veneto.

L'ultima riunione, indetta dal ministero delle Politiche agricole, si è svolta a fine settembre ed era mirata a definire un protocollo d'intesa in cui le imprese di trasformazione e la grande distribuzione riconoscessero una valorizzazione dei prodotti lattiero-caseari con latte italiano e un prezzo minimo del latte. Interventi strutturali per il settore "sono irrinunciabili alla luce di una crisi gravissima - spiega Curto - che ci vede con prezzi fermi a 25 anni fa di 36-37 centesimi al litro ma con costi di produzione aumentati del 30% tra mais, soia, foraggi ed energia. Già prima avevamo un deficit di marginalità, ma ora siamo a un punto di non ritorno. C'è già sentore di allevamenti che a fine anno chiuderanno l'attività, che una volta interrotta non sarà mai più ripresa. Non ci sarà futuro per il settore se non verrà ridistribuita la ricchezza all'interno della filiera".

In Veneto sono circa 2.950 gli allevamenti di vacche da latte, con 1,2 milioni di tonnellate di latte munti ogni anno (dati 2020 di Veneto Agricoltura). Vicenza è in testa con 381.500 tonnellate, seguita da Verona (313.200), Padova (223.000), Treviso (160.800), Belluno (51.500), Venezia (47.760) e Rovigo (22.460). La trasformazione casearia in Veneto usa circa l'80% del latte prodotto e, in particolare, circa il 65% va ai formaggi dop. Il Grana Padano assorbe il 35% del latte regionale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli