Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.870,12
    -110,20 (-0,32%)
     
  • Nasdaq

    12.942,30
    +4,18 (+0,03%)
     
  • Nikkei 225

    28.942,14
    -280,63 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,0106
    -0,0074 (-0,73%)
     
  • BTC-EUR

    23.093,62
    -238,40 (-1,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    556,61
    -1,12 (-0,20%)
     
  • HANG SENG

    19.763,91
    -158,54 (-0,80%)
     
  • S&P 500

    4.270,90
    -3,14 (-0,07%)
     

Croazia in Eurozona a gennaio 2023, è ufficiale

(Adnkronos) - E' stato fissato il tasso di conversione fra la Kuna croata e l'euro in vista dell'adozione da parte di Zagabria della moneta unica a partire dal 1° gennaio 2023. Lo comunica la Bce spiegando che il cambio prevede 7,53450 kune per un euro, pari a quello attualmente in vigore. Oggi il Consiglio dell'Unione Europea ha formalmente approvato l'adesione della Croazia all'area dell'euro: la Banca centrale europea e la Hrvatska Narodna Banka (la banca centrale croata) hanno deciso di monitorare gli sviluppi della kuna rispetto all'euro sul mercato dei cambi fino al 1° gennaio 2023. Peraltro già da ottobre 2020, la Bce aveva preso la responsabilità della vigilanza diretta su otto banche croate significative e la supervisione di 15 meno significative.

Oggi "è tempo di festeggiare" perché la Croazia sta per diventare "il ventesimo membro dell'area euro. L'intero Paese si è convinto del valore che ha entrare nell'euro" ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde. L'Eurozona passa così "da 19 a 20 membri ed è il segno che insieme siamo più forti". L'euro è un "comune denominatore" e uno "scudo" per i Paesi che lo adottano, ha sottolineato Lagarde.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli