Italia markets open in 3 hours 15 minutes
  • Dow Jones

    31.438,26
    -62,42 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.524,55
    -83,07 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    26.830,69
    -40,58 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,0583
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • BTC-EUR

    19.574,76
    -546,07 (-2,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    449,92
    -11,88 (-2,57%)
     
  • HANG SENG

    22.027,25
    -202,27 (-0,91%)
     
  • S&P 500

    3.900,11
    -11,63 (-0,30%)
     

Csel, città d'arte le più penalizzate su tassa soggiorno da effetto covid

(Adnkronos) - Nel confronto tra 2019 e 2020, le città d’arte sono state quelle maggiormente colpite in merito agli incassi derivanti dalla tassa di soggiorno. Siena ha registrano un -78,97%, Torino -59,66% e Matera -35,26%. Tra le località di montagna ha avuto la peggio Cortina con -72,06%, mentre le località di mare hanno avuto un minore impatto negativo, il migliore è San Vincenzo che ha sostanzialmente contenuto le perdite (-2,44%). A metterlo in evidenza è un rapporto elaborato dallo Centro Studi Enti Locali (Csel) per l'Adnkronos che per osservare nel dettaglio l’impatto pandemico nelle diverse tipologie di città italiane, ha analizzato gli scostamenti in 3 località d’arte, 3 località marittime e 3 località di montagna: Località d’Arte: Torino, Siena, Matera, Località marittime: Jesolo (Ve), San Vincenzo (Li), Vieste (Fg); Località di montagna: Cortina d’Ampezzo (Bl), Corvara in Badia (Bz), Courmayeur (Ao).

Nell’anno di parziale ripresa dall’emergenza sanitaria, è San Vincenzo a registrare la migliore performance, incrementando gli incassi del 31,80% rispetto al 2019, seguito da Vieste (+5,44%). A soffrire sono ancora le città d’arte. Rispetto al primo anno di pandemia, il 2021 si rileva di parziale ripresa per gran parte delle città del campione analizzato. Cortina d’Ampezzo è la città con il miglior incremento (+191,49%), seguita da Siena che contrariamente alle altre città d’arte ha sostanzialmente raddoppiato il gettito del 2020 (+128,03%). Le località marittime hanno tutte e 3 incrementato il gettito.

Analizzando complessivamente i dati, emerge che nei primi 2 anni di pandemia le città d’arte sono quelle maggiormente penalizzate, seguite a breve distanza dalle località di montagna, mentre le località marittime sono riuscite a contenere le perdite e, talvolta, anche ad ottenere dei risultati migliori rispetto a quelli conseguiti nel periodo pre-pandemia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli