Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,56 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,27 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,88 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.645,87
    -129,82 (-0,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,68 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

A Cuneo, sono state trovate 50 mucche morte: ad avvelenarle è stato il sorgo

Trovate morte 50 mucche
Trovate morte 50 mucche

A Cuneo, presso l’azienda agricola di Giacomino Olivero, sabato mattina si è verificata un’ecatombe. In circa mezz’ora, 50 mucche al pascolo sono morte per colpa del sorgo: un cereale che, resistente al caldo, ha sviluppato alcune tossine in grado di trasformarlo in un veleno vero e proprio.

Trovate morte 50 mucche a Cuneo: il caso

Quel giorno, Giacomino Olivero aveva portato i suoi capi in un terreno di proprietà che distava appena dalle stalle. Quando la scena agghacciante si è svolta davanti ai suoi occhi, l’uomo ha detto: “È stato uno strazio: le mucche boccheggiavano e poi morivano”. Inoltre, erano tutte gravide. 

L’intervento del veterinario dell’azienda agricola, in compagnia di quello dell’Asl Cn2 e di amici della zona, hanno fatto sì che altri 30 capi riuscissero invece a salvarsi con l’ausilio delle flebo.

Dall’Istituto zooprofilattico hanno poi spiegato che alcuni tipi di sorgo, messi a dura prova dalla siccità, sviluppano sostanze tossiche come l’acido cianidrico: letale sia per i bovini che per gli altri ruminanti.

Le analisi in corso e la reazione della Coldiretti

Al momento sono in corso analisi specifiche, sia sulle piante ingerite che sulle carcasse. Il neo presidente Ara Piemonte e Liguria, Elia Dalmasso, ha dichiarato che si è trattato di un fatto inaspettato che ha colpito tutti quanti.

“Gli allevatori sono consapevoli che sorgo e mais, in casi estremi di siccità, possano produrre tossine. Però nessuno si aspettava un esito del genere” conclude, sconcertato.

La Coldiretti Cuneo, intanto, spiega che sono ancora in attesa dell’esito relativo agli esami tossicologici condotti dall’Istituto Zooprofilattico, per potersi esprimere. Qualsiasi tipo di considerazione, allo stato attuale, è prematura.

L’allevatore, intanto, ha subito un danno di circa 150mila euro.