Italia markets open in 1 hour 39 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.670,88
    +103,84 (+0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1851
    +0,0022 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    10.338,09
    +990,69 (+10,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    246,01
    +7,10 (+2,97%)
     
  • HANG SENG

    24.769,00
    +199,46 (+0,81%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Cuore Boseman: tagliò proprio stipendio per avere Sienna Miller nel film

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

“Pur di avermi in 21 Bridges Chadwick ha finito per donarmi parte del suo salario per permettermi di ottenere la cifra che avevo chiesto”. Ad ammetterlo è l’attrice Sienna Miller che ad un mese dalla morte di Chadwick Boseman ha svelato un particolare sull’attore protagonista di Black Panther.

Morto lo scorso 28 agosto a causa del cancro al colon col quale conviveva da anni, Boseman ha fatto della generosità e dell’altruismo cardini fondamentali della propria vita. E così, alle prese con la produzione del film 21 Bridges (uscito in Italia col titolo City of Crime), sentita il rifiuto dell’attrice americana, ha deciso di tagliarsi lo stipendio per darle l’opportunità di ricevere un salario giusto.

“Era tra i produttori di City of Crime e si è speso molto personalmente per avermi nel film. Era un fan del mio lavoro, ed era entusiasmante perché io lo ero altrettanto del suo. Ero esitante sul fatto di tornare al lavoro, non era il momento adatto per me, visto che mia figlia stava tornando a scuola” l’ammissione ad Empire Magazine di Sienna Miller, che poi ha spiegato di aver chiesto un compenso adeguato come condizione per prendere parte alle riprese.

Secondo la produzione la richiesta della Miller era troppo elevata, così scese in campo Boseman: “Chadwick ha finito per donarmi parte del suo salario per permettermi di ottenere la cifra che avevo chiesto"