Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,56 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,27 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,88 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.543,62
    -282,02 (-1,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,68 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Cybermercato, Marina Bonomi racconta primo e-commerce che parlava italiano

(Adnkronos) - "Cybermercato è nato nell’alveo di Olivetti Telemedia, che faceva parte del gruppo Olivetti e che aveva come ad Elserino Piol, persona molto nota nel settore della multimedialità e dell’innovazione in Italia. Olivetti Telemedia, in quegli anni era una fucina di idee, un incubatore di start-up all’avanguardia grazie anche ai rapporti che i vari team avevano con il resto del mondo e con i Paesi maggiormente avanzati nell’ambito della multimedialità. Ricordo, per esempio, il rapporto con il Regno Unito e con l’Olivetti Research Laboratory a Cambridge, dove si adottavano progetti innovativi. Ma c’erano rapporti costanti anche con gli Stati Uniti. E da qui è nata l’idea di portare anche in Italia una esperienza quale quella dell’e-commerce". Ad affermarlo in un'intervista a 'Giornalettismo' è Marina Bonomi, che ha animato il progetto sin dai suoi inizi. Un progetto visionario italiano, nato in contemporanea con Amazon.

"Il procedimento che seguiva l’utente per effettuare il suo ordine era abbastanza simile a quello che c’è oggi - ricorda Marina Bonomi -. Entrava all’interno del sito, che si presentava come un mall. C’erano addirittura dei piani, a voler riprendere l’idea del centro commerciale, che potevano essere raggiunti attraverso una scala mobile virtuale. Per completare l’acquisto, si poteva pagare sia con la carta di credito attraverso un sistema di telepay di Banca Sella, sia in contrassegno al momento della consegna. La logistica - sia per quello che riguarda il magazzino, sia per quanto riguarda la consegna - era gestita da Bartolini. In più c’era la possibilità di associarsi al CyberClub: una volta che il cliente aveva inserito la propria carta di credito, grazie a un sistema di autenticazione sicuro, il suo nome veniva abbinato alla sua carta e il pagamento, a quel punto, avveniva in automatico".

Nell’e-commerce, sottolinea, "si potevano acquistare prodotti di diversa tipologia: da quelli di informatica, sia software sia hardware, ai libri, passando per cd-rom multimediali, prodotti di enogastronomia tipici italiani, prodotti selezionati periodicamente dalla Rinascente. Poi, c’era anche la possibilità di acquistare dei viaggi o, per le occasioni speciali, comprare dei fiori attraverso Interflora".

La società di cui Marina Bonomi era direttore generale, dopo un anno, fatturava più di un miliardo di lire. E l’utenza di Cybermercato, tra le altre cose, era una continua sorpresa. Se pensiamo ad Amazon – e al primo ordine ricevuto che era, di fatto, un libro -, scopriamo come Cybermercato (che nasceva praticamente in contemporanea) fosse addirittura qualcosa di più: "Noi ci aspettavamo un libro come primo ordine – spiega Marina Bonomi – e invece ci arrivò la richiesta di un computer a marchio Vobis. Per far capire quanto suonasse strana la cosa, ricordo anche l’aneddoto del corriere addetto alla consegna, che non si aspettava certo di trasportare un pacco dal contenuto molto fragile. Con tutte le conseguenze del caso".

Nonostante la portata innovativa, il team di Cybermercato era ben consapevole che quello che stava facendo sarebbe entrato di diritto nella storia di internet in Italia: "Assolutamente sì: in Olivetti Telemedia avevamo la consapevolezza che questi servizi e in particolare quello di e-commerce sarebbero stati l’evoluzione del mercato. Avevamo la consapevolezza che stavamo creando una realtà nuova per il Paese Italia e che si stava facendo contemporaneamente cultura e business. Per dare un’idea molto approssimativa, in quegli anni – in Italia – gli utenti di internet erano 500mila, mentre negli Stati Uniti erano 40 volte tanto. Il tema non era se questo servizio poteva diventare il futuro, ma soltanto quando lo sarebbe potuto diventare. E il quando è dipeso dal livello di investimenti nelle infrastrutture digitali del Paese".