Italia markets close in 3 hours 31 minutes
  • FTSE MIB

    26.896,88
    +90,69 (+0,34%)
     
  • Dow Jones

    35.490,69
    -266,19 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.235,84
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    81,13
    -1,53 (-1,85%)
     
  • BTC-EUR

    52.606,94
    +1.684,44 (+3,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.468,30
    -6,03 (-0,41%)
     
  • Oro

    1.804,60
    +5,80 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,1598
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.551,68
    -23,11 (-0,51%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.234,32
    +13,44 (+0,32%)
     
  • EUR/GBP

    0,8433
    -0,0008 (-0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0653
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4329
    -0,0012 (-0,08%)
     

Da Intesa Sanpaolo e Deloitte ciclo webinar su agroalimentare

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 ott. (askanews) - Il settore agroalimentare e le opportunità di sviluppo all'estero sono al centro del ciclo di webinar promosso dalla Direzione Agribusiness di Intesa Sanpaolo, in collaborazione con Monitor Deloitte. Un supporto concreto agli imprenditori coinvolti che creerà un focus su tre delle principali filiere produttive: frumento duro, vitivinicola e lattiero casearia, tra le più importanti in Italia in termini di produzione e di esportazioni.

Oggetto dei webinar saranno i mercati target quali Stati Uniti e Cina approfondendo le opportunità di internazionalizzazione che, insieme a temi chiave quali l'innovazione tecnologica e la sostenibilità, sono prerogative per uno sviluppo del business delle nostre aziende nel medio-lungo termine.

Il settore agroalimentare ha una incidenza sull'economia nazionale cresciuta significativamente a seguito dell'emergenza sanitaria Covid-19. Da un'analisi della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo è emerso che nel 2020 il sistema agro-alimentare italiano ha generato un valore aggiunto di circa 64 miliardi di euro e ha occupato oltre 1,4 milioni di persone.

Il valore dei prodotti agroalimentari nei mercati finali al consumo ha un'incidenza sul PIL pari all'11%, dato che oltre a considerare il valore aggiunto della filiera agro-alimentare, contiene anche i margini dei settori dei trasporti e della distribuzione. Se considerassimo anche gli acquisti di servizi di ristorazione, si salirebbe addirittura al 13,5%. Con un totale di 875 Cibi e Vini certificati, l'Italia è prima in Europa per prodotti DOP, IGP e STG.

In particolare, la filiera del frumento duro raccoglie più di duecentomila aziende agricole e circa 110 pastifici industriali producendo oltre 3,5 milioni di tonnellate di paste alimentari e oltre 2 miliardi di euro di valore dell'export (riferito alla granella di frumento e pasta di semola). La filiera vitivinicola si compone di oltre trecentomila aziende, oltre 47,5 milioni di ettolitri di produzione di vino per più di 6 miliardi di euro di esportazioni. La filiera lattiero casearia conta più di venticinquemila allevamenti, oltre 4,2 milioni di tonnellate di produzione di latte e derivati per più di 3,5 miliardi di euro di valore dell'export.

Un progetto che fa parte di una proposta complessiva sull'internazionalizzazione che in questi mesi ha interessato oltre 500 imprese con 23 webinar dello Smart International Tour, e il coinvolgimento di sette Ffliali estere di Intesa Sanpaolo. Un percorso che si svilupperà anche nel 2022.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli