Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.625,08
    -510,86 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    15.571,57
    -211,26 (-1,34%)
     
  • Nikkei 225

    27.821,76
    -462,16 (-1,63%)
     
  • EUR/USD

    1,1313
    +0,0020 (+0,18%)
     
  • BTC-EUR

    51.445,21
    -838,08 (-1,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.481,00
    +38,22 (+2,65%)
     
  • HANG SENG

    23.475,26
    -376,98 (-1,58%)
     
  • S&P 500

    4.592,12
    -63,15 (-1,36%)
     

Da R. Lazio 3,9 mln per sostenere la produzione dei kiwi

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 ott. (askanews) - Dalla Regione Lazio un bando che destina 3,9 miioni di euro ai produttori danneggiati dalla moria del kiwi. "Come Regione Lazio ci eravamo impegnati a reperire le risorse necessarie a sostenere la produzione del kiwi, fortemente provata e danneggiata dalla problematica della moria, che nel Lazio ha coinvolto in modo prevalente il territorio della provincia di Latina, storicamente vocato alla sua coltivazione. Oggi pubblichiamo un bando c'è destina 3.900.000 euro del nostro bilancio regionale a favore dei produttori che hanno subito danni per una sindrome che, lo ricordo, è multifattoriale e tuttora allo studio dei servizi fitosanitari nazionale e regionale e del Tavolo tecnico scientifico appositamente richiesto e predisposto presso il Mipaaf". Lo ha annunciato in una nota l'assessora Agricoltura, Foreste, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Pari Opportunità della Regione Lazio, Enrica Onorati.

Il bando, che avrà una durata di 60 giorni dalla pubblicazione sul BURL, prevede l'ammissibilità dei seguenti interventi: opere di regimazione e drenaggio delle acque superficiali; lavorazioni del suolo per favorire lo sgrondo delle acque superficiali (rippatura); realizzazione di baulatura del terreno su impianti di recente costituzione (impianti fino a tre anni); sistemi di monitoraggio dell'umidità del suolo (tensiometri e sensori volumetrici); coperture antigrandine; apporto al terreno di sostanza organica e sovescio; inerbimento; nuovi impianti di actinidia in terreni diversi da quelli interessati dal fenomeno (delocalizzazione produttiva); riconversione della produzione, ovvero impianto di altra coltura arborea in sostituzione degli impianti di actinidia irrimediabilmente compromessi dalla moria.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli