Italia markets open in 5 hours 1 minute
  • Dow Jones

    33.823,45
    -210,22 (-0,62%)
     
  • Nasdaq

    14.161,35
    +121,67 (+0,87%)
     
  • Nikkei 225

    29.076,20
    +57,87 (+0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,1918
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    31.602,91
    -1.078,76 (-3,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    934,74
    -35,14 (-3,62%)
     
  • HANG SENG

    28.791,02
    +232,43 (+0,81%)
     
  • S&P 500

    4.221,86
    -1,84 (-0,04%)
     

Da Ramsey a Rabiot, la Juve vuole abbassare il monte ingaggi: i partenti

·1 minuto per la lettura

La Juventus, come tutti gli altri club, ha problemi economici, specie dopo la crisi post-Covid. I bianconeri hanno bisogno di alcune cessioni importanti per iscrivere a bilancio 100 milioni di plusvalenze e dovranno farlo entro il prossimo 30 giugno.

La Juventus potrebbe cedere alcuni elementi anche per liberarsi dei loro pesanti contratti. Stando a quanto riferito dalla Gazzetta dello Sport, sono 5 gli elementi della Vecchia Signora che sono a rischio taglio, in vista della prossima stagione.

Adrien Rabiot | Pier Marco Tacca/Getty Images
Adrien Rabiot | Pier Marco Tacca/Getty Images

Il primo indubbiamente è Aaron Ramsey. Il centrocampista gallese ha uno stipendio da 7 milioni di euro netti, non ha reso secondo le aspettative, e potrebbe andare via. Anche l'altro centrocampista Adrien Rabiot, che percepisce oltre 7 milioni, potrebbe essere sacrificato sul mercato, per lo stesso motivo. A rischio addio ci sarebbe anche Federico Bernardeschi, che ha un ingaggio da 4 milioni netti, con un solo anno di contratto ancora. A loro vanno aggiunti i rientranti Douglas Costa e Daniele Rugani. Sono questi i contratti pesanti di cui la Juventus vuole letteralmente ma anche materialmente liberarsi per alleggerire il monte ingaggi.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli