Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,55 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,27 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.550,15
    -315,02 (-1,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,63 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Dal front runner del Terzo Polo appello a Letta, Meloni e Conte per discutere dei programmi

Carlo Calenda
Carlo Calenda

Carlo Calenda chiede un confronto tv fra i quattro leader che andranno a chiedere il voto degli italiani il prossimo 25 settembre. Dal front runner del Terzo Polo arriva in queste ore l’appello ad Enrico Letta, Giorgia Meloni e Giuseppe Conte per discutere dei programmi e dei progetti. Insomma, Calenda vuole giocarsi la carta della praticità e dell’eloquenza e vuole giocarsela con i restanti tre leader delle formazioni e coalizioni in corsa.

Calenda chiede un confronto tv

Calenda ha formulato la sua richiesta su Twitter invitando Giorgia Meloni, Enrico Letta e Giuseppe Conte a incontrarsi in uno studio televisivo. Ha scritto il leader del Terzo Polo che andrebbe ad argomentare anche in nome e per conto di Matteo Renzi ed Italia Viva: “Almeno un confronto tra i leader delle quattro coalizioni è necessario. Aiuterebbe gli italiani a valutarne la consistenza e la preparazione”.

Il “rebus Meloni” per il centrodestra

Il Fatto Quotidiano scrive che non è assolutamente scontato che il centrodestra sia “pronto a farsi rappresentare in un confronto televisivo da Giorgia Meloni”. D’altronde non è sfuggito ai più che sotto il simbolo della Lega compare la scritta “Salvini premier”, mentre in quello di Forza Italia sta scritto “Berlusconi presidente”. Per il momento la proposta di Calenda non ha sortito effetti, né assensi né dinieghi.