Italia markets open in 7 hours 55 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.418,51
    -67,29 (-0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1751
    -0,0039 (-0,33%)
     
  • BTC-EUR

    11.285,79
    +11.285,79 (+0,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,22
    -11,47 (-4,20%)
     
  • HANG SENG

    24.708,80
    -78,39 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Danza: Sasha Waltz, a Roma il ricordo di Eric Garner, contro discriminazioni

webinfo@adnkronos.com
·2 minuti per la lettura

"Farò danzare i miei interpreti sulle note di Georg Friedrich Haas, nel suo brano 'I can't breath', come risposta alle discriminazioni razziali, alla morte violenta negli Stati Uniti di Eric Garner, al Movimento Black lives matter per sottolineare come l'emarginazione, l'isolamento, le disuguaglianze sociali sono ancora vive e presenti nella nostra società. Una situazione che il Covd-19 ha fatto emergere con più forza". E' quanto ha dichiarato Sasha Waltz, regista e coreografa tedesca che domani apre al Parco della Musica RomaeuropaFestival, la storica manifestazione giunta alla 35esima edizione, inserita tra i progetti culturali del semestre della presidenza tedesca del Consiglio dell'Ue con lo spettacolo 'Dialoge Roma 2020-Terra Sacra'.

Una prima parte, site specific, si svolgerà tra le architetture dell'Auditorium progettato da Renzo Piano, mentre la seconda parte è un omaggio alla città di Roma con espliciti riferimenti alla 'Sagra' stravinskyana e al 'Bolero' di Ravel.

"La 'Sagra della primavera' è un balletto di contatti, di approcci, di relazioni ravvicinate -ha spiegato Sasha Waltz- esattamente il contrario di quello che sta avvenendo oggi con la pandemia eppure volevo creare uno spettacolo che raccontasse il sacrificio, ma anche il ciclo della vita tra morte e rinascita".

Sasha Waltz affronta, indirettamente, nella piece temi ambientalisti e legati ai cambiamenti climatici. "Dobbiamo avere cura della nostra terra, da cui il titolo del lavoro, 'Terra sacra' -ha continuato- non sono una persona religiosa nel senso classico, piuttosto mi sento più vicina ad alcune presenze asiatiche, come lo shintoismo. Sono convinta, inoltre, che ognuno di noi appartenga ad un'unità' più complessa, ad una forza superiore a noi. La terra continuerà ad esistere anche quando gli esseri umani si estingueranno". Si replica nella capitale fino al 20 settembre. 'Dialoge Roma 2020 - Terra Sacra', realizzata nell'ambito della main media partnership con la Rai, sarà trasmessa in tv da Rai 5.